Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ricostruzione quartieri sotto il Morandi, le critiche arrivate dall’assemblea pubblica: “Tempi troppo stretti, e molti punti poco chiari”

Decine di cittadini hanno affollato la sala del municipio Centro Ovest

Più informazioni su

Genova. Nelle prossime settimane sarà presentato il bando per la progettazione di quella parte di città che è toccata dalla ricostruzione post demolizione del Morandi.

Per questo motivo i cittadini di Sampierdarena e San Teodoro hanno partecipato ad un’assemblea pubblica, organizzata dalla apposita commissione del Municipio II Centro Ovest, dove ci si confronterà e si proverà a formulare delle proposte concrete. Non senza qualche mal di pancia

“Una forma di questionario con tempi troppo brevi per permettere una vera partecipazione alle idee dei residenti – scrive Fabrizio Maranini, presidente dalla prima commissione – Solo un mese prima che vengano messe a bando le basi urbanistiche sulle quali potranno progettare gli architetti che aderiranno al bando”.

“Gran parte delle aree sono già oggetto di progetti, in alcuni casi giá avviati: nodo ferroviario genovese, riqualificazione mercato ovoavicolo del Campasso – ricorda – per cui sorgono spontanee alcune domante tra cui quelle relative ai fondi, quale viabilità durante i quartieri, quali ricadute sui quartieri limitrofi”.

Ma non solo: si chiede anche di fare luce su alcuni aspetti ancora oggi poco chiari, come l’eventuale utilizzo della linea ferroviaria Campasso Santa Limbania, oppure della parte ferroviaria, ad ovest di via Porro, non considerata nel planing del “sotto ponte”.

“Ma sopratutto quali garanzie per la salute ela sucurezza pubblica dei cittadini che dovranno continuare a vivere limitrofi alle varie aree di cantiere”, conclude Maranini.