Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Parco di Portofino, la giunta Toti risponde al Pd sul milione di euro di stanziamento: “Non sta in piedi per parco allargato”

Attualmente il parco di Portofino è composto da tre Comuni per 980 ettari complessivi e riceve un contributo regionale di 700 mila euro

Genova. “Lo stanziamento previsto di un milione di euro per l’istituzione del Parco nazionale di Portofino, nel caso venga allargato da tre a venti Comuni non sta più in piedi, in quanto il territorio non è pronto per avere un parco nazionale in tutte le aree”. Lo sottolinea l’assessore regionale ai Parchi Stefano Mai stamani a Genova in Consiglio regionale rispondendo a un’interrogazione del consigliere Luca Garibaldi (Pd).

Attualmente il parco di Portofino è composto da tre Comuni per 980 ettari complessivi e riceve un contributo regionale di 700 mila euro. Il passaggio a ‘nazionale’ aumenterà il contributo a un milione di euro per avviare il percorso, ma secondo l’assessore allargando i confini ad altri Comuni, anche il contributo va aumentato.

“Non ci sono ancora i sentieri mappati in tutte le aree, neppure i servizi, tutto ciò che bisogna far trovare a un turista che arriva in un parco nazionale. – commenta Mai – Quindi sono necessari investimenti, i sindaci sono preoccupati perché vogliono sapere se c’è solo un milione di euro a disposizione, se è così la discussione sui confini finisce qui, lo abbiamo detto al Governo, in caso
contrario possiamo discutere”.

Il consigliere Garibaldi replica che “è interesse della Regione Liguria non istituire il parco nazionale più piccolo d’Italia, di 980 ettari, contro una media nazionale di 15 volte tanto” e parla in una nota di “risposta confusa”.
“Sul percorso verso il nuovo parco l’assessore Mai continua a fare confusione, arrivando a dire, come abbiamo sentito oggi in aula, che lo Stato avrebbe previsto soltanto un milione di euro l’anno (contro gli attuali 700 mila della Regione) per il Parco di Portofino. Soldi che, sempre secondo l’esponente della Giunta, andrebbero bene se il Parco mantenesse gli attuali confini, ma che diventerebbero troppo pochi se la sua superficie aumentasse. Ma forse l’assessore non sa che quel milione di euro serve solo ad avviare il nuovo Parco, mentre i finanziamenti che lo Stato stanzierà ogni anno verranno ripartiti tramite il fondo nazionale alle aree protette”.
“Il Parco Nazionale di Portofino è un’opportunità unica – prosegue Garibaldi – Non ne avremo un’altra. I confini che decidiamo in questa fase non potranno essere ampliati in futuro. Quindi chiedo nuovamente che la Regione faccia la sua parte, interloquisca col territorio e col ministero – che è stato costretto a convocare i Comuni a Roma dopo la reticenza di Mai – e porti a compimento un percorso importante avviato dal precedente Governo, che avrà ricadute enormi sul territorio del Tigullio e su tutta la Liguria”.