Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Municipio Centro Ovest, mozione bipartisan contro l’inquinamento del porto. Maranini: “Primo obbligo sindaco è salute cittadini”

Tra i documenti a supporto anche ricerca Asl di Roma su incidenza inquinamento aree portuali sui percentuali tumori

Genova. Passata all’unanimità nel Municipio II Centro ovest la mozione proposta dai consiglieri del Pd giá nell’autunno scorso, primo firmatario Maranini Fabrizio, che impegna il Presidente del municipio a sollecitare il sindaco di Genova a fare pressione sugli enti competenti in materia di inquinamento derivante le attività portuali.

In particolare la Capitaneria di porto, alla quale si chiedono maggiori controlli su quantità di zolfo nei combustibili delle navi in banchina e sul collaudo dei motori. Con il documento si chiede anche una pubblicazione dei risultati di tali controlli e una sollecitazione agli armatori, affinché spieghino come mai abbiano ignorato la bozza di accordo volontario proposto dal comitato Tutela ambientale Genova Centro Ovest.

Alla Regione Liguria si chiede – tra le altre cose – di adoperarsi affinché sia redatta l’ordinanza per l’uso di combustibile con tenore di zolfo massimo pari a 0.1% a partire da 12 miglia dal porto o da un’ora dall’attracco ( e viceversa alla partenza) come avviene in altri territori italiani ed europei, e si consideri la possibilità di inibizione di attracco e ormeggio per le navi troppo obsolete e non rispettose delle norme europee sull’inquinamento.

Inoltre, a Regione Liguria si chiede anche di porre le azioni che portino verso la riduzione della rumorosità, in particolare dei traghetti e sia attuato un più mirato monitoraggio dell’area.

Tra gli argomenti a supporto della mozione alcuni sono davvero preoccupanti per i cittadini di Di Negro e San Teodoro, i quartieri alle spalle del porto, come per gli altri limitrofi all’area portuale dalla foce del Bisagno sino a Voltri. Il 3 Agosto scorso il direttore sanitario dell’Asl 3 ha dichiarato “Di Negro è una delle zone più calde della città alla quale prestiamo particolare attenzione perché lì c’è un fattore di rischio aggiuntivo che è l’inquinamento, che comporta un impatto maggiore su chi ha un’insufficienza respiratoria”.

“Le statistiche dicono che in Europa almeno 50000 persone muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento da traffico marittimo – sottolinea Fabrizio Maranini, Presidente Prima Commissione Municipio II Centro Ovest – a Civitavecchia uno studio Asl ha dimostrato che la popolazione abitante entro il raggio di 500 metri di distanza dal porto è soggetta ad un incremento di tumori del 35%, rispetto al resto della città”.

La stesura della mozione ha visto la collaborazione dei comitati del territorio ed in seguito il contributo importante di altri gruppi consiliari del Municipio “a dimostrazione che la salvaguardia della salute e della sicurezza dei cittadini deve restare sempre al primo posto nell’amministrazione di una citta – conclude Maranini – e quindi tra i primi obblighi di ogni Sindaco”.