Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lunga battaglia tra PSA Olympia e Conad Alsenese: le emiliane la spuntano 15-17 al quinto risultati

Terza sconfitta consecutiva per le gialloblù, che si consolano con un punto in classifica

Genova. Terza sconfitta consecutiva per la PSA Olympia che, fra le mura amiche dei Capannoni di Voltri, si deve arrendere alla Conad Alsenese, non senza aver però prima dato battaglia.

Nel primo set la Conad parte col piede giusto e piazza subito un mini break (2-5) che poi sale a 3-8, costringendo coach Mantoan a chiamare il primo time-out per riordinare le idee. Il piano sembra funzionare perché l’Olympia finalmente si scrolla e comincia a rosicchiare terreno alle avversarie, punto a punto, fino a tornare in parità sull’11-11.

Un doppio ace di Bilamour vale il primo vantaggio gialloblù (14-13) poi Parodi e Ciurli portano l’Olympia sul più 3. Il terzo ace del turno in battuta di Bilamour vale il 17-13 e costringe l’Alsenese a giocarsi il secondo time-out del set, riuscendo ad interrompere il magic moment delle ragazze di casa, ma ormai la partita ha cambiato decisamente rotta. Coach Mantoan getta nella mischia Lena Mastromarino, il cui turno in battuta coincide con un nuovo strappo Olympia, quello decisivo, che alla fine porta al 25-17.

Il secondo set parte in equilibrio, anzi, proprio punto a punto, ma anche questa volta è la Conad a trovare il primo vero vantaggio. L’Olympia però stavolta non si fa sorprendere e torna subito in parità sul 6-6. Il set è tiratissimo, con sorpassi e controsorpassi e così si arriva alle fasi calde ancora in parità (18-18). L’Alsenese trova lo strappo sul 23-20 ma l’Olympia si rifà sotto sul 23-22 poi, dopo aver annullato la prima palla set, deve alzare bandiera bianca e il parziale si chiude sul 25 a 23 per la formazione piacentina.

Il terzo set parte ancora così così per la squadra di casa, che va subito sotto 0 a 6, prima di tornare a macinare gioco e punti fino al 6 a 8. A questo punto però l’Olympia vede spegnersi la luce, tanto che la Conad sale sull’8 a 19, mettendo una serissima ipoteca sul set che infatti va in archivio con il punteggio di 25-13.

Nel quarto set finalmente è l’Olympia a partire meglio: prima 4-1, poi 7-2, 11-7 e poi ancora 15-9. La Conad si gioca il primo e subito dopo anche il secondo time-out ma sono le gialloblù ad avere in mano il timone della partita in questa fase. Il vantaggio però si assottiglia lentamente e sul 21-19 è coach Mantoan a chiedere la sospensione. Un punto conquistato su un pallone conteso a rete vale il 24-21 per l’Olympia e le conseguenti tre palle set. La prima viene annullata ma la seconda è quella buona, che porta quindi le due squadre al tie-break.

Si comincia nuovamente punto a punto, con l’Olympia che ogni volta prova a mettere il naso avanti ma poi viene riacciuffata subito dalla Conad. Il primo vantaggio ospite sul 7-8 coincide anche con il cambio di campo ma Antonaci trova l’immediata parità. Le due squadre procedono a braccetto fino al 13-13, quando Bilamour con un attacco di seconda linea regala il 14-13 e la prima palla match all’Olympia. La Conad però si salva e piazza il sorpasso sul 14-15. Stavolta è Parodi a dover annullare il match ball ospite ma, poco dopo, un pallone che cade a terra solo di qualche centimetro fuori dal campo vale il 15-16 in favore delle ospiti. Sembra una sfida infinita ma così non è: le piacentine chiudono i conti sul 15-17 e conquistano i 2 punti.

Per le gialloblù 1 punto in graduatoria, grazie al quale salgono a quota 29, e si trovano in quarta posizione. Sabato 16 febbraio alle ore 18 saranno ospiti della Serteco Volley School per uno dei derby genovesi di questo girone B.

Il tabellino:
PSA Olympia Volley – Conad Alsenese 2-3
(Parziali: 25-17, 23-25, 13-25, 25-22, 15-17)
PSA Olympia Volley: Pastorino Ma., Pastorino Mo., Ciurli 6, Gorini 7, Castelli 8, Ferrando, Mastromarino, Della Rocca, Caporaso, Ottonello, Antonaci 5, Parodi 16, Fontana, Bilamour 25.
Conad Alsenese: Lancini 2, Amasanti 8, Pastrenge, Fanzini 8, Domeniconi, Fava 17, Candio, Visconti, Doina, Rovellini 7, Caimi 2, Marc 18.