Inchiesta sul crollo del Morandi, presto l'incidente probatorio sulle cause del disastro - Genova 24
Fasi

Inchiesta sul crollo del Morandi, presto l’incidente probatorio sulle cause del disastro

L'accelerata è legata all'allungarsi dei tempi del primo accertamento che rischia di chiudersi a giugno inoltrato

A tre mesi dal crollo del ponte Morandi il ricordo delle vittime

Genova. Il secondo incidente probatorio, quello sulle vere e proprie cause del crollo del ponte Morandi, potrebbe essere chiesto a breve. E’ quanto trapela da palazzo di giustizia a Genova il giorno dopo l’udienza del primo incidente probatorio. L’accelerata è legata all’allungarsi dei tempi del primo accertamento che rischia di chiudersi a giugno inoltrato in base alle esigenze dei periti del gip e i consulenti di procura, indagati e parti civili.

A questa seconda richiesta è legato anche il numero di indagati destinato ad allungarsi inevitabilmente per consentire loro di partecipare alle operazioni peritali. “Non è un lavoro semplice – sottolinea il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi – ma il cerchio sta per stringersi. Bisogna capire con esattezza fino a che periodo spingersi indietro e individuare chi faceva cosa in quel periodo e chi fosse a conoscenza dell’ammaloramento del viadotto. Ma questo tipo di lavoro è già a buon punto”.

Proprio ieri, nel corso dell’udienza, è stata depositata la traduzione della consulenza sui reperti del ponte inviati al laboratorio svizzero. Dall’analisi è emerso un processo di degrado in atto da molto tempo.

leggi anche
Le immagini dei detriti di ponte Morandi repertate dai consulenti
Cosa dicono gli svizzeri
Inchiesta ponte Morandi, il dossier svizzero dice che i tiranti erano degradati da tempo e nel calcestruzzo c’era di tutto
crollo Ponte Morandi
Nein
Crollo Morandi, la traduzione della relazione sui reperti va rifatta. Gip accoglie istanza legali Aspi