Alle 18

Confedilizia, lunedì la consegna delle borse di studio per i figli delle vittime del Morandi

L'iniziativa di solidarietà era partita subito dopo il crollo

"Non solo formaggio", enogastronomia di Millesimo (Redazionale)

Genova. Borse di studio per i figli delle vittime di ponte Morandi, grazie alle somme versate da dirigenti, consulenti e soci sia dell’Associazione di Genova che delle Associazioni territoriali italiane di Confedilizia che hanno aderito all’iniziativa “Confedilizia per Genova”.

L’evento si svolgerà lunedì 18 febbraio alle ore 18 presso la sede dell’Associazione Confedilizia Ape di Genova, in via XX Settembre n. 41/5° piano, alla presenza del vice Sindaco di Genova, Stefano Balleari, dell’assessore ai servizi sociali del Comune di Genova Francesca Fassio, dell’assessore alla sicurezza Stefano Garassino nonché del Presidente Nazionale di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa e del vice Presidente Nazionale di Confedilizia Vincenzo Nasini, che è anche numero uno per Genova e provincia.
All’incontro saranno presenti anche l’assessore regionale alle Politiche Giovanili Ilaria Cavo e il consigliere delegato per la Città Metropolitana Claudio Garbarino, in rappresentanza delle altre istituzioni territoriali.

Nel corso dello stesso evento verranno annunciate iniziative già deliberate di sostegno, assistenza e consulenza da parte dell’Associazione per tutti i proprietari di immobili della Valpolcevera interessati dal crollo. Saranno presenti anche alcuni parenti delle vittime del crollo di ponte Morandi.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.