Cinque tonnellate giù dalla pila 8 per capire cosa succederà al calcestruzzo del Morandi quando sarà fatto esplodere - Genova 24
Ecco come

Cinque tonnellate giù dalla pila 8 per capire cosa succederà al calcestruzzo del Morandi quando sarà fatto esplodere

Misure di controllo per valutare il propagarsi dell'onda d'urto, la demolizione della struttura prevista per il 9 marzo

Genova. Oggi, 26 febbraio, al fine di valutare le caratteristiche e le proprietà del terreno su cui insiste l’area di cantiere e per misurare l’intensità delle vibrazioni connesse alle operazioni di demolizione, è stata eseguita una prova di caduta di un blocco di calcestruzzo (New Jersey di guardavia) del peso di circa 5 tonnellate che era stato mobilizzato a partire dall’impalcato della pila 8. Il video e le immagini sono forniti dalle aziende coinvolte nell’opera di demolizione.

Il blocco, in caduta libera, ha impattato sul suolo e la misurazione delle vibrazioni è stata eseguita utilizzando 5 vibrometri disposti a distanze scalate alla verticale d’impatto. Successivamente un altro blocco è stato fatto cadere su un “letto stabilizzato” composto da uno strato di materiale inerte sull’area di caduta.

Il test è stato effettuato utilizzando un mezzo meccanico posizionato a terra che ha tirato la barriera New Jersey mediante un cavo d’acciaio (lunghezza 60 metri e portata di 10 tonnellate) fino a farla cadere dall’impalcato.

Il professor Claudio Oggeri del DAT (Dipartimento Ingegneria Ambiente Territorio e Infrastrutture del Politecnico di Torino) ha dichiarato:”Non appena saranno disponibili le elaborazioni dei dati potrà essere affinato un modello predittivo per eventi più severi”.

leggi anche
Ponte Morandi 25 febbraio
Agenda di cantiere
Demolizione pila 8, cadute nel vuoto e trincee per testare gli effetti dell’abbattimento con esplosivo
Demolizione ponte Morandi gru strand jack
Programma
Ponte Morandi, sì all’esplosivo per abbattere la pila 8 ma il giorno della demolizione slitta
Demolizione ponte Morandi al 6 febbraio
Trasparenza
Ponte Morandi, Bucci contro gli esposti: “Serve una città coesa”. Il 4 marzo giù la terza trave