Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Centro storico, nuova vita per il “basso” confiscato alla mafia: sarà l’aula studio dell’associazione Pas à pas

In vico Vigne, inaugurazione il 6 marzo dalle 18 alle 21 con una grande festa per il quartiere.

Genova. Sarà una grande festa aperta a tutto il quartiere l’inaugurazione di vico Vigne 10rosso, nel centro storico, uno dei beni confiscati alla mafia e concessi dal Comune – in questo caso – all’associazione Pas à Pas per la creazione di un’aula-studio e un luogo aperto alla cittadinanza.

“Finalmente il momento è arrivato. Mercoledì 6 marzo lo spazio di Vico Vigne 10r darà l’avvio ufficiale alle attività regalando ancora più anima e colore a un vicolo del centro storico un po’ nascosto e di passaggio – dicono i volontari – dalle 18 alle 21 l’Associazione Pas à Pas vi invita ad essere presenti per inaugurare insieme un luogo che vuole diventare un nuovo punto di riferimento per il quartiere e i suoi abitanti, simbolo dell’impegno di cittadinanza e istituzioni nella lotta alla criminalità organizzata e nella valorizzazione di un territorio con molte difficoltà dal punto di vista sociale”.

Dalla notizia dell’assegnazione da parte del Comune, lo scorso giugno 2018, sono trascorsi mesi di intenso lavoro per raccogliere fondi e contributi di altro genere (principalmente donazioni di arredi e materiale utile all’allestimento) e procedere successivamente alla ristrutturazione e preparazione per l’apertura ufficiale, spiegano dall’associazione. “Ora è tutto pronto e non resta che dare veramente inizio all’avventura”.

L’obiettivo è quello di tenere lo spazio aperto il più possibile e c’è già un programma provvisorio delle attività: corsi di preparazione all’esame per la certificazione della lingua italiana presso i CPIA, altri corsi di italiano, aula-studio, concessione dello spazio per incontri di altre associazioni, appena possibile l’attivazione di uno sportello legale. Pas à Pas è comunque disponibile a valutare altre richieste e proposte di utilizzo dello spazio, proprio per rendere concreto il sogno di trasformarlo da luogo di illegalità a luogo di socialità, che ha spinto l’Associazione a partecipare al bando di assegnazione.

A 10 anni dal sequestro Canfarotta, che ha sottratto 96 immobili del centro storico di Genova alla famiglia mafiosa, l’inaugurazione di Vico Vigne 10r, dopo quella avvenuta lo scorso settembre dell’altro bene confiscato in Via Canneto il Curto 25r e assegnato alla Parrocchia di Santa Maria delle Vigne, rappresenta un momento importante, dal grande valore simbolico. La concessione di questi immobili alle realtà associative operanti nel quartiere sono tappe importanti del percorso di lotta alle mafie da parte delle istituzioni, azioni concrete miranti a riqualificare il territorio dal punto di vista sociale.

“Un percorso ricco di difficoltà – dicono da Pas à pas – ma che ci auguriamo possa proseguire in direzione di una rinascita del centro storico grazie all’impegno e alla partecipazioni di tutti i soggetti. L’inaugurazione di Vico Vigne è un messaggio di speranza: passate per alzare insieme a noi la saracinesca e brindare a un futuro di rinascita sociale!”.