Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Le associazioni di Genova24 - Dove lo butto

Informazione Pubblicitaria

A Genova 5000 contenitori “gialli” sai cosa puoi o non puoi buttarci dentro?

Ciclo virtuoso della plastica: dal cassonetto a nuovi prodotti

Più informazioni su

La raccolta differenziata della plastica è probabilmente la più difficile da compiere senza sbavature. Per fare una raccolta differenziata perfetta, ricordate che nella plastica va gettato tutto ciò che è imballaggio, ma non altri oggetti in plastica. Anche se, ovviamente, ci sono delle eccezioni, ad esempio si possono mettere nella plastica: piatti e bicchieri, ma NON le posate.

Partiamo da quello che NON si può introdurre nel contenitore giallo: cassette per frutta e verdura in plastica (hanno una raccolta a parte nei mercati rionali); posate in plastica; giocattoli; custodie per cd, dvd e altri materiali audiovisivi; beni durevoli in plastica (elettrodomestici, casalinghi, complementi d’arredo, ecc.); tutti i rifiuti in plastica sporchi di sostanze pericolose come vernice, colle ecc.; rifiuti ospedalieri (es. siringhe, sacche per plasma, contenitori per liquidi fisiologici e per emodialisi); contenitori per vernici, smalti, smacchiatori, acidi, colle e insetticidi.
Come differenziare la plastica (e anche i metalli)?

Ecco cosa si può gettare nel contenitore del multimateriale: buste di plastica (ma non i sacchetti biodegradabili che vanno invece nell’organico), imballaggi vari come bustine di merendine, buste della pasta, bottiglie di plastica (schiacciate per lungo!), flaconi di detersivi, contenitori delle verdure, polistirolo o polistirene, fogli di alluminio tipo carta stagnola (anche se sporca), scatolette di tonno e scatolame in genere (di pomodori, sardine in scatola, ceci…), lattine, tappi e coperchi dei contenitori di vetro, vasetti per alimenti o yogurt, assolutamente si bicchieri e piatti di plastica (sono gli imballi che contengono il cibo e le bibite), gli appendi abiti.

smaltimento plastica

Ecco alcune notizie dal mondo Amiu:

A Genova sono disponibili quasi 5.000 contenitori stradali gialli per la raccolta degli imballaggi in plastica (raccolti insieme ai metalli) e gli imballaggi in plastica rappresentano l’80% del multimateriale raccolto in città.

AMIU lavora plastica e metalli della raccolta differenziata nella propria piattaforma di Bolzaneto (via Sardorella) dove plastica, acciaio e alluminio vengono separati. Eliminati gli scarti (materiali impropriamente presenti nei contenitori) la plastica della raccolta differenziata gestita nell’impianto aziendale di Bolzaneto è destinata al consorzio Corepla.

Estate 2018: «Riciclala….e aiuti il tuo mare»: focus con 9 scuole con il gioco della raccolta e del riciclo della plastica. Realizzato da Amiu e Comune di Genova insieme al COREPLA (Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) è stato presentato all’Acquario di Genova, aderente all’iniziativa. Riservato alla scuole primarie e medie, il progetto ha previsto un ciclo di incontri con distribuzione di materiali e giochi sulla plastica. Il progetto si è chiuso con la pulizia di alcuni tratti delle spiagge pubbliche del levante e del ponente della città per toccare con mano il problema della plastica abbandonata. Ecco le 9 spiagge pulite dai ragazzi: Boccadasse, Punta Vagno, Priaruggia, Vernazzola, porticciolo di Nervi, Quinto, Multedo, Pegli Lido, UtriBeach Voltri.

Anno 2019: «Differenziata 10 e lode», nuovo progetto di educazione ambientale nella scuola genovesi su riduzione dei rifiuti, raccolta differenziata e riciclo. Coinvolge ragazzi, docenti e anche le famiglie Il progetto è rivolto a tutti i livelli scolastici: scuola primaria (elementari), scuola secondaria di primo grado (medie inferiori), scuola secondaria di secondo grado (superiori), adesione scuole con inserimento all’interno del piano formativo, distribuzione kit specifico per studente, docente e famiglia (diverso a seconda del livello scolastico).