Eccolo

Viadotto Polcevera, firmato il contratto di demolizione e ricostruzione. Bucci: “Ponte percorribile il 15 aprile 2020”

A palazzo Tursi in un salone di rappresentanza strapieno, Renzo Piano: "Sarà un ponte che durerà 1000 anni"

Genova. Salone di rappresentanza strapieno a Genova per la firma del contratto di demolizione e ricostruzione di ponte Morandi. Non manca proprio nessuno se non i rappresentanti di Vernazza che come anticipato si sono sfilati dalla doppia cordata dei demolitori e dei costruttori. Per il resto, oltre alla ressa di giornalisti, presenti politici, tecnici, vertici delle istituzioni civili e militari e ‘imbucati’ vari. D’altronde, come ha esordito il sindaco, “questo è un grande giorno per Genova”.

“Vogliamo dare un segnale che in Italia le cose belle si possono fare bene al prezzo giusto e nei tempi giusti” esordisce il sindaco-commissario Marco Bucci. Renzo Piano, che supervisiona il team della struttura commissariale ha ricordato come “siamo qui in seguito a una tragedia di cui ancora non ci capacitiamo perché i ponti non possono crollare”.

Poi ha parlato del ponte che rappresenterà il futuro per Genova e non solo: “E’ un ponte durevole – ha detto – è un ponte bello ma bello nel senso in cui lo intendono i genovesi perché peri genovesi le cose devono essere belle e buone. E’ un ponte solido e semplice”.

La parola poi è passata alle aziende capofila, da un lato Omini che coordina i demolitori: “Lavoriamo a questo progetto da quattro mesi – ha detto Emilio Giuseppe Omini – Siamo arrivati qui dall’esperienza della Concordia: abbiamo le competenze e siamo pronti a rispettare i tempi stretti chiesti dal commissario. Abbiamo dovuto più volte rivedere i nostri cronoprogrammi ma il 31 marzo daremo modo ai costruttori di cominciare per tempo il lavoro lavoro e proseguire con il nostro”. Bucci ha anche definito – per la prima volta – una data di “consegna lavoro”. “A fine 2019 vogliamo vedere il ponte su, come impalcato e piloni, il 15 aprile 2020 vogliamo che sia percorribile”.

Per il patron di Salini-Impregilo, Pietro Salini: “Essere qui è importantissimo perché significa dimostrare che le opere pubbliche non sono una cosa negativa. Dobbiamo tornare a credere che possa esistere un sistema produttivo che possa realizzare le opere pubbliche facendole bene per realizzare gli obiettivi che tutti ci poniamo”.

Nel frattempo, nella giornata di oggi, è arrivata la conferma dell’uscita di Vernazza dalla cordata di aziende per la demolizione: la presa d’atto è stata sottoscritta e pubblicata sul sito del Commissario per la ricostruzione, in cui si precisa che l’azienda è ancora responsabile per quanto firmato lo scorso 15 dicembre. La decisione dell’azienda è arrivata due giorni fa: la ragione sarebbero la consistenza e le modalità di gestione delle penali. Nell’atto del commissario si precisa che le rimanenti aziende facenti parte dell’Ati per la demolizione si assumono gli oneri anche di Vernazza.

leggi anche
Generica
Problema
Ponte Morandi, il contratto “unico” fa sfilare le gru di Vernazza. Oggi la firma a palazzo Tursi
Montaggio torri pila 10 ponte morandi
Bestioni
Demolizione Morandi, inizia l’assemblaggio delle torri che sosterranno il moncone est
carrelli radio comandati demolizione
Prove
Demolizione Ponte Morandi, testati i carrelli radiocomandati per lavorare in sicurezza
protocollo intesa corruzione prefetto bucci
Il documento
Ricostruzione Ponte, Bucci e prefetto Spena sottoscrivono protocollo intesa per prevenzione infiltrazioni mafiose
giuseppe bono, ad fincantieri
Ipse dixit
Nuovo ponte di Genova, Bono (Fincantieri) spavaldo: “Non ci saranno penali perché non ci saranno ritardi”
Generica
Punto per punto
Le ombre sul nuovo ponte di Genova: dai tempi alla copertura finanziaria, oltre al ricorso di Autostrade