Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via Pré e dintorni, un bando del Comune assegna spazi gratis per nuove microimprese

Per un periodo tra i 12 e i 18 mesi. Saranno "premiati" i progetti che promuovono l'artigianato locale e la cultura del territorio

Genova. Sarà aperto dal primo febbraio al primo aprile il bando pubblico del Comune di Genova per assegnare alcuni locali di proprietà comunale nella zona di via Pré, uno dei quartieri più caratteristici ma anche critici del centro storico cittadino, destinato all’insediamento di microimprese. I progetti economici ritenuti più meritevoli avranno la possibilità di ottenere gli spazi a un canone gratuito per un periodo tra i 12 e i 18 mesi.

“Spero partecipino in molti – dice l’assessore al Commercio del Comune di Genova, Paola Bordilli. Il bando si trova sul sito internet del Comune – vogliamo favorire l’insediamento di attività di vicinato e artigianali nel centro storico e continuare nella nostra politica di contrasto della desertificazione commerciale”. Ai fini dell’aggiudicazione sarà tenuto conto di criteri tra i quali la valorizzazione delle specificità del territorio, la promozione dei prodotti locali e l’abbellimento e la manutenzione dei locali, così come indicato nel progetto d’impresa. Questo il link dove trovare le informazioni sul bando.

“Sono particolarmente soddisfatto di questa azione dell’amministrazione – afferma l’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi – non soltanto perché valorizza il patrimonio immobiliare in possesso del Comune ma anche perché lo trasforma in una fonte di sviluppo economico del territorio”. L’amministrazione comunale pubblicherà sul sito anche un calendario di open day nel corso dei quali i tecnici accompagneranno gli interessati al bando nei locali a disposizione.

I locali messi a bando sono di due tipologie: una prima tabella comprende locali destinati prioritariamente a sede principale di nuova impresa o ulteriore sede operativa di impresa esistente, mentre una seconda tabella riguarda locali pertinenziali concedibili a titolo gratuito anche ad attività già presenti sul territorio.