Via 30 giugno, decine di multe alle moto a pochi giorni dall'apertura - Genova 24
Striscia continua

Via 30 giugno, decine di multe alle moto a pochi giorni dall’apertura

E' successo nei primi giorni dell'apertura della strada. Garassino: "Giuste multe e monitoraggio per ridurre incidenti soprattutto tra le due ruote"

Generica

Genova. Genova. Stanno arrivando in questi giorni a decine di scooteristi altrettante multe comminate dai vigili appostati nei primissimi giorni dell’apertura di via 30 giugno, via che fu per oltre un mese l’unico collegamento della Valpolcevera con il centro città e che a causa dei sensori che in quei giorni suonavano continuamente era spesso completamente bloccata. Le multe sono state comminate a chi in moto avrebbe oltrepassato con le ruote la striscia continua.

A segnalarlo il consigliere comunale del Pd Alessandro Terrile che ha presentato un’interrogazione in consiglio comunale , interrogazione che per motivi di tempo non è stata discussa in aula. “E’ chiaro a tutti che il Codice della Strada va rispettato – commenta Terrile – ma non si comprende come soprattutto in quei giorni non sia potuto usare un po’ di tolleranza per i cittadini della Valpolcevera che tentavano solo di raggiungere in orario il proprio posto di lavoro”. Evidentemente – attacca il consigliere – sul buon senso è prevalso l’invito del comando della Polizia Municipale a fare più multe”.

A stretto giro, a margine della seduta, arriva la replica dell’assessore Garassino. “Mi stupisco che il consigliere Terrile chieda tolleranza su infrazione grave del codice della strada” dice l’assessore. “Le multe si riferiscono a ottobre dove il forte traffico e il spesso non rispetto del codice della strada ha portato ad un aumento degli incidenti soprattutto tra i due ruote – replica Garassino – quindi il monitoraggio delle pattuglie è stato attento al fine di ridurre gli incidenti anche perché la nostra missione è ridurre il numero di morti e di incidenti sulle strade per il rispetto e la salvaguardia della vita umana primo valore fondamentale”