Sentenza tar

Va a lavorare fuori Genova e gli revocano accoglienza: accolto il ricorso di un richiedente asilo

Revoca della misura giudicata "sproporzionata": il giovane aveva trovato lavoro temporaneo a Palermo

cronaca

Genova. Abbandonare temporaneamente il centro di accoglienza per andare a lavorare non può comportare la revoca delle misure di accoglienza. Lo hanno stabilito i giudici del Tar Liguria, che hanno accolto il ricorso presentato da un cittadino senegalese ospitato in un centro per rifugiati e richiedenti asilo della Croce Rossa Italiana a Genova.

Il giovane si era visto revocare dalla Prefettura le misure di accoglienza poiché aveva abbandonato senza giustificato motivo la struttura per andare a lavorare temporaneamente a Palermo.

“L’allontanamento dalla struttura pare giustificato da obiettive esigenze lavorative piuttosto che dalla volontà di abbandonarla definitivamente – si legge in sentenza -. La comunicazione di avvio del procedimento non avrebbe ragionevolmente condotto alla revoca delle misure di accoglienza che appare obiettivamente sproporzionata rispetto alla gravità del comportamento posto in essere”, scrivono i giudici che hanno annullato il provvedimento della prefettura dopo aver preso atto della documentazione presentata dal giovane tra cui quella che attestava l’impiego temporaneo nel capoluogo siciliano.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.