Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un libro che è quasi un’esplorazione, al Kowalski il K2 di Boscarino: 7 metri di grafica, narrativa e amore per la montagna

Giovedì 24 gennaio un nuovo modo per parlare della leggenda del gigante di roccia e ghiaccio, dalle prime esplorazioni alla conquista italiana

Più informazioni su

Genova. Non è “solo” un libro, è una mappa, una piccola mostra portatile, uno strumento di ispirazione, nei suoi 7 metri di lunghezza e 14 di superficie: “K2 – storia della montagna impossibile” è l’opera di Alessandro Boscarino che prova a rendere anche da un punto di vista grafico e concreto la difficoltà della seconda montagna più alta del mondo e la più ostica da scalare.

Giovedì 24 gennaio negli spazi del locale Kowalski in via Dei Giustiniani la presentazione di quest’opera, alla presenza dell’autore, che dialogherà con la sua creazione insieme al giornalista Matteo Macor. Il volumee (se così si può chiamare) ricostruisce con mappe, splendide foto d’archivio e percorsi dettagliati un secolo di sfide tra i ghiacci: dalle spedizioni ottocentesche di scienziati e cartografi all’avventura ad alta quota di Walter Bonatti e del portatore hunza Mahdi, che nel 1954 permisero a Lacedelli e Compagnoni di conquistare la vetta per la prima volta nella storia.

L’evento è organizzato da FalsoDemetrio Libreria e PaginaDuecento. Qui un’idea di come è strutturata l’opera di Boscarino.

Qui altre info sul libro e qui sull’evento del 24 gennaio.