17 vetri

Treni, senza biglietto viene fatto scendere, ma prende a sassate i vetri. Nella notte vandalizzato regionale

Diciassette vetri dei finestrini e delle porte di accesso distrutti su tre treni regionali. E' il risultato degli atti vandalici accaduti in Liguria

atti vandalici treno

Genova. Genova. Un viaggiatore senza biglietto sul regionale 2183 Ventimiglia-Milano, senza l’intenzione di regolarizzare la sua presenza a bordo, è stato fatto scendere a Taggia. Sceso dal treno ha dato in escandescenze tirando pietre contro il convoglio che hanno causato la rottura di tre vetri dei finestrini e del vetro del locomotore di coda.

La stessa persona è salita, nuovamente senza biglietto, sul regionale 11341 (Ventimiglia-Genova Brignole). Il capotreno ha quindi avvisato le Forze dell’Ordine e lo ha invitato a scendere ad Alassio. Al momento della ripartenza il viaggiatore ha di nuovo scagliato pietre contro il treno rompendo tre vetri delle porte di accesso di tre differenti carrozze. Il treno si è quindi dovuto fermare nella stazione successiva di Albenga. I viaggiatori sono dovuti scendere e hanno proseguito con il regionale successivo, l’11283 Alassio-Genova. Questo ha comportato inevitabili ritardi sui loro tempi di viaggio.

Altro episodio si è registrato questa notte al treno regionale 6053 (Acqui Terme-Genova) in sosta notturna nella stazione di Aqui Terme. Danneggiati undici finestrini di due carrozze. Per evitare la cancellazione della corsa, il personale ha messo in sicurezza le parti danneggiate ed ha inibito l’accesso alle due carrozze non praticabili per evidenti motivi di sicurezza.

Lo stop forzato in officina per la riparazione delle vetture danneggiate comporta che, per oggi, alcuni treni regionali stanno circolando e circoleranno con un minor numero di posti a disposizione. Per i tre episodi Trenitalia ha sporto denuncia contro ignoti.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.