Il commento

Supercoppa, Toti: “Ce ne accorgiamo ora? Stop a ipocrisie”

Per il governatore ligure "la discriminazione va combattuta tutti i giorni"

toti

La discriminazione delle donne in Arabia Saudita è odiosa e intollerabile. Noi, in Liguria, il velo integrale lo abbiamo vietato in tutti i luoghi pubblici. Ma mi chiedo: ce ne accorgiamo ora perché lì si gioca una partita di calcio?”.

Così il presidente della Regione Giovanni Toti interviene sulle polemiche per la finale di Supercoppa italiana Juve-Milan a Gedda, dove le donne potranno assistere solo nei settori dello stadio riservati alle famiglie.

“Se ci indigniamo e vogliamo sospendere una partita di calcio per le tribune separate allo stadio dovremmo, per coerenza, sospendere l’acquisto di petrolio da compagnie dove le donne non possono lavorare o non possono fare carriera – sottolinea Toti – dovremmo sospendere la vendita dei nostri prodotti nei centri commerciali dove le donne possono entrare solo velate, dovremmo evitare di costruire strade dove, fino a ieri, le donne non potevano guidare. Siamo seri, basta ipocrisie. La discriminazione va combattuta ogni giorno, con realismo, e non con proclami adatti ad una assemblea studentesca. Siamo seri almeno un giorno, gli italiani sono preoccupati per il lavoro che non c’è, occupiamoci di quello”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.