Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Solidarietà per il ponte Morandi, raccolto un milione e 300 mila euro: il 45% andrà alle famiglie delle vittime

Il 35% a sfollati mentre il 20% a chi ha perso il lavoro

Genova. Un milione e trecento mila euro: è quanto ha raccolto il Comune Genova grazie alla solidarietà dei genovesi e degli italiani dopo la tragedia del ponte Morandi. I contributi sono arrivati sia su un conto che era stato appositamente aperto dal Comune, sia dal ricavato della vendita della magliette ‘Genova nel cuore’.

“Siamo estremamente soddisfatti -ha dichiarato l’assessore comunale al bilancio Pietro Piciocchi – e insieme al comitato che ho voluto costituire perché ci fosse la dovuta trasparenza nella distribuzione di queste somme abbiamo definito i criteri di ripartizione di queste risorse. Il 45% è destinato alla famiglie delle vittime, il 35% è destinato alle persone che hanno perso la loro casa, il 20% ai lavoratori licenziati da imprese che hanno cessato l’attività per effetto del crollo e lavoratori del piccolo commercio”.

Nei prossimi giorni le risorse dovrebbero essere distribuite. Ma siccome le esigenze e le necessità legate al crollo non sono terminate dal Comune di Genova arriva un appello o, quantomeno un auspicio: “Mi auguro – dice Piciocchi – che
questa generosità dei genovesi possa ancora proseguire perché l’amministrazione è chiamata ancora a sopperire a tantissime necessità per cui i prossimi mesi certamente ci richiederanno molte risorse finanziarie”.