Rieccolo

Reperti storici, finito restauro libro metà ottocento ‘Monumenti dell’Egitto’. Presto esposto alla Berio

I nove volumi di testo sono tra le più rare pubblicazioni della egittologia italiana

Monumenti dell'egitto

Genova. Monumenti dell’Egitto e della Nubia: nove volumi di testo e 390 tavole di illustrazioni ad acquarello, raccolte in tre atlanti di grande formato. Un libro raro, ritrovato alcuni anni fa nei fondi della biblioteca Berio e, purtroppo, pesantemente danneggiato dal bombardamento che durante la II Guerra Mondiale distrusse il teatro Carlo Felice.

Grazie ad Artbonus, lo strumento messo a disposizione dal ministero per i Beni e le attività culturali, è stato possibile trovare il finanziamento necessario per il restauro, che si è concretizzato con la collaborazione di Fabrizio e Rossella Fagnola, due professionisti genovesi, mecenati dell’impresa.

Il restauro, durato quasi due anni, ha consegnato alla città un’opera sulla civiltà egizia davvero rara e censita in pochissime copie nel sistema bibliotecario nazionale.
Monumenti dell’Egitto e della Nubia verrà presentato alla città con l’esposizione, alla Berio e al museo di Archeologia Ligure, delle illustrazioni del mondo egizio costruita dagli studiosi occidentali nel corso degli ultimi due secoli: faraoni, divinità, monumenti, che riprendono vita con i colori straordinari degli acquarelli.

Completano la proposta conferenze, laboratori per famiglie e scuole, letture e azioni teatrali nelle varie sedi delle biblioteche Berio e De Amicis e del museo di Archeologia Ligure.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.