Rapallo Pallanuoto: finisce il sogno europeo - Genova 24
Eurolega

Rapallo Pallanuoto: finisce il sogno europeo

Una vittoria in tre partite non consente alle liguri di approdare ai quarti di finale, troppo forti le avversarie del girone. Antonucci: “Abbiamo sbagliato l’approccio nell’ultimo match”

 Rapallo Pallanuoto Femminile

Finisce dopo quattro partite l’avventura europea del Rapallo Nuoto che chiude con un’altra brutta sconfitta la sua Eurolega. Le ruentine chiudono con tre sconfitte e una sola vittoria in un girone molto difficile che comunque aveva visto le ragazze allenate da Luca Antonucci  ben figurare contro il Dunaujvaros all’esordio. Con le ungheresi la gara è stata equilibrata e decisa solo negli ultimi due periodi dopo che Rapallo era andata sul 4-5 per allungare fino al 5-7, un brutto finale di terzo periodo ha consentito al Dunaujvaros di pareggiare i conti per poi sfruttare l’empasse della gara e andare sul 9-7 con la rete di D’Amico nel finale a render meno amara la sconfitta. 

Con le spagnole dell’Astralpool Sabadell poi si sapeva che per Marcialis e compagne sarebbe stata una missione impossibile, come stanno ad evidenziare i tre gol con cui partono le spagnole che poi subiscono un rientro delle ruentine con Zimmerman, Viacava e D’Amico, intervallate, però dalla quarta rete iberica che chiuderà il parziale sul 3-5. Nel secondo periodo scappano le spagnole che vanno addirittura sul 4-9 prima che Genee tenti di rianimare le sue compagne che iniziano bene il terzo periodo accorciando ancora con Avegno, ma non c’è partita perché Steffens, Garcia due volte, Espar e Ortiz chiudono virtualmente la gara sul 6-13. L’ultimo periodo è sostanzialmente passerella con Sabadell che vince agevolmente 9-17.

La speranza torna nella terza gara in cui a dominare è finalmente la squadra gialloblù che travolge l’Olympia Kosice e incassa i primi tre punti della sua Eurolega. Partita che le ragazze di Antonucci chiudono subito con un primo quarto travolgente che termina 1-6 grazie alla doppietta di Avegno e ai gol di Emmolo, Zanetta, Marcialis e Viacava. Nel secondo periodo si allarga ulteriormente la forbice e alla fiera del gol si aggiunge Sofia Giustini. A metà gara la partita è chiusa 1-11.  Gli ultimi due quarti sono sul velluto con Gagliardi, Zimmerman e Genee che si aggiungono fra le marcatrici e la partita si chiuderà su un roboante 6-21. 

Sarà l’ultima soddisfazione, però perché Rapallo poi se la deve vedere con le forti greche del Vouliagmeni che entrano in vasca col coltello fra i denti e rifilano quattro reti subito alle rapallesi che chiudono il primo periodo sotto 1-5. Demoralizzate, le liguri peggiorano la situazione nel secondo periodo durante il quale le elleniche allungano sul 2-8 che diventerà un clamoroso 2-11 nel terzo quarto. Tardiva quanto inutile la reazione rapallese che accorcerà il gap con le reti di Cocchiere, Zanetta e Avegno prima che Ninou chiuda i conti e la stagione europea di Rapallo sul 6-13.

Luca Antonucci commenta così l’avventura slovacca delle sue giocatrici: “Vittoria meritata, faccio i complimenti al Vouliagmeni. Noi purtroppo non siamo praticamente entrate in acqua, l’approccio al match è stato completamente sbagliato – prosegue il coach – Torniamo comunque a Rapallo forti di un’esperienza molto positiva, sempre considerando l’età media della nostra squadra, che è molto bassa. Siamo capitati in un girone davvero difficile, ci abbiamo provato fino alla fine ma il risultato è giusto e non abbiamo meritato il passaggio del turno. Ora, subito testa al campionato forti di questo bagaglio di esperienza internazionale che ci sarà sicuramente utile”