Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapallo, grande gioia: Orizzonte piegata ai rigori ed è finale foto

Le gialloblù e la SIS Roma si contenderanno il trofeo

Rapallo. Sarà SIS Roma contro Rapallo Pallanuoto la finalissima dell’ottava Coppa Italia. L’atto conclusivo della final six, in svolgimento al Centro Federale di Ostia, si giocherà oggi, domenica 6 gennaio, alle ore 16,45.

La SIS Roma ci arriva superando 9-7 le campionesse d’Italia della Plebiscito Padova nella prima semifinale. Venete avanti 4-2 in apertura di secondo tempo. Poi il decisivo doppio minibreak delle giallorosse: la doppietta di Sinigaglia e i gol di Picozzi e Fournier valgono il 6-4 a metà gara; Fournier, Picozzi e Chiappini timbrano successivamente il determinante 9-5 dopo tre tempi, con le venete che pagano anche il 4 su 14 in superiorità numerica.

Rapallo batte 13-12 ai rigori le campionesse uscenti de L’Ekipe Orizzonte. Tanti rimpianti per le etnee avanti 6-3 nel terzo tempo. Poi quattro gol in sequenza delle liguri fino al 7-6 di Emmolo. Garibotti sigla il 7-7 che chiude i tempi regolamentari. Dai cinque metri, dopo otto serie, decidono la parata di Lavi su Palmieri e il gol di Genee.

Rapallo che va a caccia della sua seconda Coppa Italia, dopo quella conquistata nel 2014 quando si impose 11-10 proprio sull’Orizzonte; mentre per la SIS Roma l’obiettivo è alzare il primo trofeo della sua storia. Unico precedente in stagione tra le due squadre nella giornata d’apertura della serie A1 femminile: finì 7-7.

In apertura di programma la Rari Nantes Florentia si è imposta 13-8 sulla Kally NC Milano nella finale per il quinto posto.

La cronaca. Difese ermetiche e pochi tiri in partenza. Rapallo colpisce con la seconda chance in superiorità numerica: a trasformarla è Avegno con un destro ravvicinato che non lascia scampo a Gorlero. Una manciata di secondi per la risposta etnea con il fendente dal perimetro di Van der Sloot per l’1 a 1 con cui termina il quarto d’apertura.

Botta e risposta in superiorità numerica in avvio di secondo periodo tra le centroboa Cocchiere e Palmieri. Quest’ultima poi si procura il fallo da rigore, ma Lavi è glaciale e ipnotizza Bianconi. L’Ekipe passa però con Koolhaas ben servita al centro da Riccioli per il 3 a 2 all’intervallo lungo.

In apertura di terzo parziale il più 2 Orizzonte con Garibotti in extraplayer. Marcialis dal perimetro rimette immediatamente in scia Rapallo. Bianconi riscatta il precedente errore dai cinque metri e in controfuga stampa il 5-3 e Palmieri strappa applausi con una rovesciata tutta potenza e tecnica. Avegno in superiorità numerica tiene ancora in vita Rapallo per il 6-4 dopo tre tempi.

Avvio bruciante di quarta frazione delle liguri che si mettono in scia con il rigore preso e trasformato da Emmolo e poi agganciano l’avversario con la stilettata dal perimetro di Marcialis. Ultimi cinque minuti al cardiopalma con le squadre che si chiudono e gli attacchi che faticano a pungere.

A mettere la freccia sono le gialloblù con l’alzo e tiro della mancina del Setterosa Emmolo. E’ il momento decisivo del match. Genee ha tra le mani il pallone del più 2 Rapallo. Garibotti a venti secondi dal termine trova in superiorità numerica il jolly che manda le squadre ai tiri di rigore. Dai cinque metri, dopo otto serie, decidono la parata di Lavi su Palmieri e il gol di Genee.

Luca Antonucci afferma: “Orgolioso di queste ragazze. Abbiamo disputato una prestazione mostruosa, recuperando tre gol all’Orizzonte, passando dal 3-6 al 7-6 e abbiamo battuto per la seconda volta consecutiva la squadra che secondo me è la più forte d’Europa. Brave a non perdere la concentrazione nei minuti finali, a restare fredde e ad avere quella spregiudicatezza giusta nel tirare i rigori”.

Federica Lavi, portiere e capitano del Rapallo, dice: “E’ stata una partita difficilissima, completamente diversa da quella di campionato. Sapevamo che avremmo dovuto soffrire fino alla fine ma non ci aspettavamo di vincere ai rigori. Siamo felicissime del risultato e già proiettate alla finale. Quella con la Roma sarà un’altra gara dura e combattuta, tra due squadre che non mollano mai”.

Il tabellino:
L’Ekipe Orizzonte – Rapallo Pallanuoto 12-13
(Parziali: 1-1, 2-1, 3-2, 1-3)
L’Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou, Garibotti 2, Bianconi 1, Aiello, Spampinato, Palmieri 2, Marletta, Van Der Sloot 1, Koolhaas 1, Riccioli, Giuffrida, Condorelli. All. Miceli
Rapallo Pallanuoto: Lavi, Zanetta, Viacava, Avegno 2, Marcialis 2, Gagliardi, Giustini, D’Amico, Emmolo 2, Zimmerman, Genee, Cocchiere 1, Risso. All. Antonucci.
Arbitri: Collantoni, Guarracino
Note. Rigori: Garibotti gol, Emmolo parato, Marletta paolo, Zanetta gol, Palmieri gol, Genee parato, Van der Sloot parato, Avegno gol, Bianconi gol, Marcialis gol, Garibotti gol, Emmolo gol, Marletta gol, Zanetta gol, Palmieri parato, Genee gol.
Uscite per limite di falli Zimmerman e Aiello nel quarto tempo. Ammonito per proteste Antonucci nel primo tempo. Superiorità numeriche: Orizzonte 4 su 9 più 1 rigore fallito, Rapallo 5 su 12.