Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rallenta la Genova Calcio, ma ne approfitta solo l’Imperia risultati

Pari nel big match anche fra Cairese e Rivarolese che vengono scavalcare dai nerazzurri

Nella diciassettesima giornata di campionato la Genova Calcio perde una ghiotta occasione per mettere punti fra sé e gli inseguitori che invece restano molto vicine e in alcuni casi riescono ad avvicinarsi ai biancorossi. Ottimo risultato tutto sommato quindi per l’Albenga invece che obbliga al pareggio la capolista brava a passare in vantaggio con una punizione furba e bella di Giambarresi che sorprende Rossi da oltre 20 metri e porta avanti i locali. Gli ingauni iniziano a giocare meglio quando vanno sotto di un uomo perché al 70° Gaizo viene espulso e due minuti dopo Calcagno controlla un pallone non semplice in area genovese e calcia a botta sicura freddando Dondero e i tifosi genovesi che a questo punto si gettano in avanti, ma Ilardo non riesce a deviare in maniera vincente una palla ghiotta in area, poi Costa ci prova di testa da due passi e Rossi salva capra e cavoli perché l’Albenga porta a casa un punto molto prezioso.

Non approfittano del passo falso della Genova Calcio né Cairese, né Rivarolese che si incontrano in uno scontro diretto nei quartieri alti ma non esce nulla di positivo per nessuno perché l’incontro termina in parità, tutto sommato giusta per una gara che ha visto gli attacchi delle due squadre un po’ sterili. Meglio i genovesi ai punti, ma alla fine lo 0-0 mantiene lo status quo fra le due avversarie, ma fa un bel favore all’Imperia che torna a farsi sotto grazie alla vittoria all’inglese sul Busalla che consente ai nerazzurri di salire al secondo posto. Reti che arrivano entrambe nel primo tempo con il vantaggio già al 5° con Costantini che su un tiro dal limite batte Carlucci e porta avanti i suoi. Raddoppio al 38° di Ambrosini che irrompe su corner e fa volare i ponentini. Nella ripresa i busallesi cercano di rientrare in gara, ma Cotellessa è sfortunato nel suo tiro che si stampa sul palo. Al 65° poi occasione sprecata da Costantini che calcia un rigore sulla traversa e perde l’opportunità di riaprire la gara. Finisce 2-0 per l’Imperia che torna a credere nel campionato.

Occasione che non riesce a cogliere neanche il Pietra Ligure che non riesce a superare il Molassana. Genovesi che anzi iniziano sprecando un’occasione importante con il tiro all’altezza del dischetto di Falsini che calcia fra le braccia di Alberico. Pietra sorpreso e incauto perché ci riprova Falsini e poi Alagona, senza fortuna. Prima occasione biancoblù al 25° con Zunino che non inquadra la porta.

Si va al secondo tempo con un rigore concesso ai savonesi, ma dal dischetto Baracco colpisce la traversa. Passano dieci minuti ed il numero 4 si riscatta con un tiro dal limite dell’area che si insacca nell’angolino. Vantaggio pietrese che dura una decina di minuti perché Falsini finalmente riesce a segnare con una zampata sulla conclusione di Costa. Ultimo lampo quello di Minutoli che sfiora il colpo gobbo per i genovesi, ma il suo tiro si ferma sul montante.

Riscatto largo per il Baiardo che rialza la testa dopo il ko di sette giorni fa riparte da una cinquina che non ammette repliche a Rapallo. La gara si sblocca dopo un quarto d’ora su calcio di rigore assegnato per fallo su Battaglia. È lo stesso attaccante neroverde che batte e supera Molinelli. I genovesi dominano il campo e i ruentini faticano a riorganizzarsi. Al 31° riparte forte in contropiede  e Provenzano piazza la sfera nell’angolino per lo 0-2 provvisorio. Si va alla ripresa che si apre al 54° con il gol del tris Baiardo. Lo firma ancora Battaglia, puntuale di testa sul cross dalla destra. Rapallo che non reagisce e i neroverdi spingono ancora pervenendo al poker con un tiro potente di Venturelli che si insacca sotto la traversa. Completa la festa Bianchino al 70° con il gol dello 0-5. Magra soddisfazione per Michi che trasforma un rigore assegnato per fallo di Valenti in uscita.

Importante il risultato di Santa Margherita con gli arancioblù che superano il Vado per 1-0 grazie alla rete su rigore di Privino per fallo di Iliante su Gallo al 60°. Passo indietro per i rossoblù che scivolano al settimo posto, anche se la classifica lassù è piuttosto corta, mentre i levantini incassano tre punti molto pesanti che permettono loro di salire al 14° posto a -1 da Albenga ed Alassio. Proprio i gialloneri infatti escono con un punto da Ventimiglia recuperando il gol di Rea con un bel tiro in diagonale di Di Mario che interviene su punizione e insacca. Infine fondamentale la vittoria del Finale che continua il suo magic moment con il 2-1 sul Valdivara. Fondamentale la doppietta di bomber Vittori nel primo tempo e difesa di ferro nella ripresa dopo la rete di Ndiaye che spaventa i giallorossi, ma desta la linea difensiva dei finalesi che si chiudono e portano a casa i tre punti