Ipse dixit

Nuovo ponte di Genova, Bono (Fincantieri) spavaldo: “Non ci saranno penali perché non ci saranno ritardi”

Così l'ad di Fincantieri, a capo del consorzio di costruttori insieme a Salini, nel giorno della firma del contratto di affidamento lavori

giuseppe bono, ad fincantieri

Genova. “Non ci saranno penali per i ritardi perché non ci saranno ritardi”. Così, durante la cerimonia per la firma del contratto unico di affidamento dei lavori, l’ad di Fincantieri Giuseppe Bono ha ‘rubato’ il microfono al sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione Marco Bucci al quale era stata rivolta una domanda sulle eventuali penali previste in caso di ritardo nei lavori.

Fincantieri è nel consorzio che si occuperà della ricostruzione del viadotto Polcevera. La questione delle penali sarebbe stata alla base della rinuncia a portare avanti i cantieri da parte dell’azienda Vernazza, una delle società che componevano l’associazione temporanea di imprese che si è aggiudicata la demolizione.

“Le penali ci sono eccome perché ci sono in tutti i contratti – ha ribattuto Bucci – ma spero che non debbano essere applicate, se ci fosse un ritardo di tre mesi avremo dei milioni indietro ma i genovesi vogliono il ponte, cosa se ne fanno delle penali”.

leggi anche
firma contratta ricostruzione ponte morandi
Eccolo
Viadotto Polcevera, firmato il contratto di demolizione e ricostruzione. Bucci: “Ponte percorribile il 15 aprile 2020”
Generica
Problema
Ponte Morandi, il contratto “unico” fa sfilare le gru di Vernazza. Oggi la firma a palazzo Tursi
Generica
Punto per punto
Le ombre sul nuovo ponte di Genova: dai tempi alla copertura finanziaria, oltre al ricorso di Autostrade

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.