Sviluppo

Nuova diga foranea del porto di Genova, sono sette le risposte alla gara per la progettazione

A breve la verifica di ammissibilità dei raggruppamenti di impresa

cronaca

Genova. E’ scaduto ieri il termine per la presentazione delle offerte per la partecipazione alla gara per la progettazione della nuova diga foranea del porto di Genova.

Sette sono le offerte pervenute a Invitalia, centrale di committenza incaricata dall’Autorità di Sistema Portuale in base ad una convenzione firmata ad aprile 2018. Si tratta di sette raggruppamenti composti da studi di progettazione e da società di ingegneria sia italiane che europee, a dimostrazione del reale interesse per un’opera di grande valenza internazionale dal punto di vista tecnico-progettuale ed economico.

Si apre, quindi, la fase di verifica della correttezza amministrativa delle offerte, di cui si prevede l’ultimazione in 30 giorni. A seguire verrà nominata la commissione per la valutazione delle proposte tecniche formulate dai soggetti ammessi a questa seconda fase.

La gara, si ricorda, ha come oggetto l’elaborazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica della nuova diga foranea, un’opera il cui costo è stimato in circa 800 milioni di euro e che darà un più ampio respiro al porto storico di Sampierdarena, che oggi presenta una limitatezza degli specchi acquei per le manovre di ormeggio e transito delle mega ships a causa della collocazione dell’attuale protezione foranea.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.