Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Non è vendetta, è giustizia”, il commento di Giovanni Toti all’arresto di Cesare Battisti foto

Le reazioni dalla nostra regione alla fine di una "caccia all'uomo" che durava da 38 anni

Più informazioni su

Genova. “Arrestato in #Bolivia #CesareBattisti.  Una buona notizia! Ora il Governo avvii subito le procedure di estradizione. Non è vendetta, è giustizia che tante persone attendono ormai da troppi, troppi anni”, così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, sulla sua pagina Facebook, stamani, commenta l’arresto dell’ex terrorista avvenuto ieri.

Questa è una delle prime reazioni della politica della nostra regione e arriva a poche ore dalla diffusione della notizia. La “caccia all’uomo” durava da 38 anni.

Un aereo con a bordo uomini dell’Aise, il servizio segreto estero italiano, e della Polizia di Stato, è già in volo per la Bolivia. L’arrivo è previsto per oggi pomeriggio. Battisti è stato fermato a Santa Cruz de la Sierra. La notizia, anticipata dal Corriere della Sera, è stata poi confermata da Filipe Martins, consigliere speciale del neoeletto presidente della repubblica Jair Bolsonaro.

Cesare Battisti è stato un membro dei Proletari Armati per il Comunismo, una delle organizzazioni terroristiche nate negli “anni di piombo” in Italia. È stato condannato per l’omicidio di quattro persone. Negli anni della sua latitanza, è stato in Francia (qui ha trovato asilo per via di una legge sulla concessione di aiuto ai terroristi pentiti), Messico e Brasile.

Battisti, che in Italia dovrà scontare l’ergastolo, si è sempre dichiarato innocente e a suo favore si sono schierati diversi intellettuali di calibro enorme, da Bernard Henry Lévy a Gabriel Garcia Marquez. La scrittrice noir Fred Vargas lo ha persino aiutato economicamente nelle sue fughe.

Arresto Battisti, Cassinelli (FI): “E’ arrivato il momento per lui di pagare il conto, in Italia”

“Cesare Battisti deve scontare la pena in Italia, senza benefici. Per troppi anni ha eluso la giustizia, ora è arrivato il momento per lui di pagare il conto – scrive il deputato di Fi Roberto Cassinelli – Un segnale che deve essere chiaro: chi sbaglia, deve pagare. Per il rispetto della giustizia e delle vittime, fisiche e morali, accertate in tutti i processi in cui è stato condannato in via definitiva”.