Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’esorcismo del “foresto” con il pesto benedetto. Il quinto episodio della saga dei Testimoni di Genova

Non si ferma l'opera di evangelizzazione della sacra parola di Genova

Genova. Non si ferma la missione evangelizzatrice dei Testimoni di Genova, la cui saga, prodotta dalla Uncle Singer Production, per la regia di Ila Scattina, è arrivata al quinto episodio.

E dopo tanto operare in terra di foresti, arrivano i primi risultati per i discepoli della “Parola di Genova”: nell’episodio, infatti, il convertito lombardo si lancia nei primi tentativi di divulgazione della cultura genovese, non senza qualche piccolo inconveniente, va detto.

“Nel nome del basilico, dell’aglio e dei pinoli – tuona il genovese Doc nei panni di un imperterrito esorcista – Sorga Genova, e suoi nemici possano andare a prenderselo nello stoppino”. Questa è sicuramente la scena madre dell’episodio, dove si tenta l’impossibile: la cacciata del demone dei mangia polenta.

Il posseduto, interpretato da Vava77, noto youtuber famoso per i suoi doppiaggi in bergamasco, prova a resistere in tutti modi, lanciando maledizioni in dialetto e sputando polenta. Riuscirà il sacro crisma del pesto a sconfiggere la “forestitudine”? Guardare per credere.

Con questo episodio, la serie ideata dalla eclettica regista/cantante Ila Scattina si conferma apprezzatissima da genovesi e non, con centinaia di condivisioni social e 25 mila views raccolte in poche ore dalla pubblicazione. Ma la missione evangelizzatrice non si ferma di certo qui, il mondo è ancora troppo pieno di foresti per considerarsi un posto sicuro. Desbeliniamoci tutti!