Novità

Lavoro, scuola, assistenza legale: anche a Genova gli sportelli gratuiti di Potere al Popolo

Si comincia lunedì 21 gennaio. Per accedere non serve nessuna tessera associativa

piazza Troguoli di Santa Brigida

Genova. Una sperimentazione di sportelli gratuiti per una consulenza su lavoro, scuola e assistenza legale. Potere al Popolo ha aperto anche a Genova uno spazio di supporto senza bisogno di tessere associative.

Per tre giorni alla settimana sono a disposizione in piazza Truogoli di Santa Brigida, consulenti legali, insegnanti e attivisti nei tre sportelli attivi.

Sportello lavoro: lunedì dalle 17,30 alle 19 (sportellosocialepap@gmail.com)

Scuola Popolare: recupero materie e compiti: mercoledì dalle 17 alle 19 (info whatsapp 3927390542)

Sportello legale: giovedì dalle 17,30 alle 19 (sportellolegalepap@gmail.com)

Si comincia lunedì 21 gennaio con lo sportello lavoro.

“Si è rotta una cornice politica e sociale che ci aveva accompagnato per anni: quella dei diritti e dell’assistenza sociale – spiega una nota di Potere al Popolo Genova – oggi è sempre più facile non avere diritti certi sul lavoro, essere lasciati a casa senza un motivo, non essere pagati il giusto o non ricevere i compensi guadagnati. Sempre più gente si ritrova in difficoltà a curarsi, non riesce a pagare ripetizioni private per i figli in difficoltà, non riesce a pagare le bollette delle utenze, ha difficoltà con il far valere i propri diritti minimi. Il tutto è frutto di politiche di impoverimento, di trasferimento di risorse dai cittadini più deboli verso i padroni, i ricchi, le banche. In questa situazione, pensiamo che esista il bisogno di lavorare per ricreare una unità di intenti tra le classi popolari attraverso il mutuo aiuto. Non diversamente da quanto accadeva agli inizi del secolo scorso con le case del popolo, vero nucleo della nascita delle associazioni di mutuo soccorso del movimento dei lavoratori”.

 

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.