Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Istruzione, incontro tra Regione e ministro Bussetti: collaborazione per gestire le emergenze

Oltre alla gestione del dopo crollo del Morandi, anche la possibilità di un servizio di videoconferenza per gli studenti di Portofino

Più informazioni su

Genova. Si è svolto oggi un incontro nella sede di Regione Liguria tra il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale alla Cultura e Formazione Ilaria Cavo per fare il punto sui differenti progetti che Regione Liguria condivide con il Miur.

Piano di emergenza per le scuole dopo il crollo di Ponte Morandi – Al primo punto si è affrontato il tema dell’emergenza di ponte Morandi attraverso l’iniziativa “Ripartiamo dalla scuola”, progetto coordinato da Regione Liguria e dal Ministero e finanziato dal MIUR con 3 milioni di euro. Giudizio unanime più che positivo sulle misure messe in atto a partire da settembre per consentire agli oltre 2mila studenti che si sono confrontati con l’interruzione della viabilità dovuta al crollo del ponte Morandi.

Le azioni messe in campo hanno consentito di proseguire senza difficoltà gli studi nelle scuole di appartenenza (sfollati a cui vengono garantiti taxi, studenti delle elementari che vengono accompagnati con gli scuola-bus, appositamente attivati tra nord e sud della Val Polcevera, e studenti delle scuole superiori per i quali sono state garantite navette di collegamento con i treni di riferimento). Il Ministro ha garantito il mantenimento delle misure eventualmente rimodulandole sulla base dell’evolversi delle esigenze.

Un particolare ringraziamento da parte del presidente Toti e dell’assessore alla Cultura Cavo al Ministro Bussetti per aver sostenuto, con i fondi dell’emergenza, l’attivazione del servizio di videoconferenza per gli alunni di Portofino. L’avvio dell’attività è imminente: dal teatro del paese, gli studenti potranno collegarsi con le proprie classi di appartenenza a Santa Margherita quando le condizioni del mare non permetteranno gli spostamenti con il traghetto. Si tratta di una soluzione innovativa per affrontare l’emergenza che è molto attesa dal territorio.