Palazzo di giustizia

Inaugurazione anno giudiziario, la procuratore generale attacca riforme su legittima difesa e protezione umanitaria

La cerimonia si è aperta con un minuto di silenzio per le vittime di ponte Morandi. Assente per protesta la camera penale

Generica

Genova. Si è aperta con un minuto di silenzio per le vittime del ponte e poi con il lungo elenco degli avvocati genovesi deceduti quest’anno la cerimonia per l’inaugurazione dell’anno giudiziario del distretto della corte d’Appello di Genova.

All’inaugurazione non ha partecipato per protesta la camera penale, e molte criticità sulle riforme in atto sono emerse dai discorsi di magistrati e avvocati.

Il procuratore generale Valeria Fazio dopo aver analizzato alcune statistiche del distretto sottolineando come sia “inaccettabilmente alto il numero di denunce per infortuni sul lavoro”: 14. A cui va aggiunto il decesso di qualche giorno fa ad Ansaldo energia. Fazio ha attaccato sia la norma che modifica la legittima difesa: “Si tratta di una riforma – ha detto il procuratore – che rischia di introdurre una forte dissimmetria rispetto ad altre scriminanti e un disequilibrio nel delicato bilanciamento tra i diritti tutelati dall’ordinamento”. Inoltre “lo slogan di grande successo “difesa sempre legittima” a me pare introdurre una possibile smagliatura nella garanzia pubblica della tutela della sicurezza”.

Dure anche le critiche sul decreto sicurezza per l’abolizione della cosiddetta protezione umanitaria che, dice il procuratore Fazio, “dovrà confrontarsi con il diritto d’asilo previsto dall’articolo 10 della Costituzione”.

leggi anche
Generica
La protesta
Inaugurazione anno giudiziario, i magistrati “volantinano” la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.