Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Waterfront Levante non si ferma, gli olandesi “sconfitti” nella gara pubblica rinunciano alla sospensiva al Tar

Ma i giudici discuteranno l'udienza di merito, sui contenuti del bando pubblico e sulla vittoria dei francesi di Groupe Em2c

Genova. Può proseguire senza intoppi, almeno per il momento, l’iter che porterà alla realizzazione del nuovo Waterfront Levante di Genova, il grande progetto di restyling per l’area della fiera pensato dall’architetto Renzo Piano.

Gli olandesi di Oudendal Groep, che hanno presentato ricorso al Tar Liguria contro l’assegnazione della gara bandita dal Comune ai francesi di Em2c, durante l’udienza di questa mattina al tribunale amministrativo hanno rinunciato alla sospensiva e hanno invece chiesto ai giudici di procedere con l’udienza di merito. Dovrebbe essere fissata, probabilmente, il 20 marzo.

“Sarà discussa tutta la causa e non solo gli aspetti cautelari – spiega Federico Bertorello, consigliere comunale delegato agli Affari legali e avvocatura – tutte le parti avranno la possibilità di integrare la propria documentazione, ma ciò che conta è che non ci sono procedure che fermano la gara e l’operazione può andare avanti secondo i tempi stabiliti dal sindaco Marco Bucci”. Secondo il cronoprogramma più volte illustrato dalla giunta il contratto di affidamento lavori avrebbe dovuto essere firmato a fine 2018.

Da capire se Em2c, per firmare il contratto, preferirà comunque attendere la chiusura dell’iter giudiziario. L’udienza di merito, in base al ricorso, sarà sui contenuti dell’avviso pubblico di gara. Il progetto prevede l’abbattimento di alcuni edifici (non il palasport, né il padiglione blu), la creazione di un canale interno alla zona fiera, spazi per lo shopping, uffici, alberghi e centri dedicati allo sport, al wellness e altre novità.