Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il fascino (in)discreto della “rivista”: torna la Baistrocchi, a Genova doppio palco tra Politeama e Verdi

"Su e giù per le scale", il titolo dello show del 2019. Come da tradizione il ricavato delle serate sarà devoluto in beneficienza

Più informazioni su

Genova. Ritorna, puntuale, come ogni anno, la Compagnia Goliardica Mario Baistrocchi, in scena per la 106esima volta nella sua plurisecolare storia. Quest’anno la première, che ha fatto registrare il sold- out, è andata in scena al Teatro Sociale di Camogli dove la Bai è stata ospitata per la prima volta in assoluto.

Ora tocca a Genova: in scena al Politeama Genovese dal 1 al 3 Febbraio, venerdì e sabato alle ore 21, domenica alle ore 16. 
Le repliche continueranno al Teatro Verdi di Sestri Ponente nei giorni 9-10 e 16-17 febbraio.


Lo spettacolo dal titolo “Su e Giù per le Scale” ha effetti speciali, con famosi artisti e ospiti che salgono, ogni volta, sul palcoscenico. La scenografia è fatta di scale, da cui il titolo della rivista: perché la Bai, oltre alle battute pungenti di satira che vanno a colpire i personaggi della politica genovese e italiana, porta in scena anche quest’anno strepitosi balletti con l’immancabile finale al ritmo travolgente del Can Can.
 Non mancano, come da tradizione le passerelle, simbolo di quel teatro andato perduto, ma che ancora piace moltissimo al pubblico.
Proprio a tal proposito è cambiato l’inno della Baistrocchi, scritto dai “Buio Pesto” e cantato dal gruppo genovese assieme ai baistrocchini, questa è anche la canzone della passerella finale. 
In scena venti tra attori e ballerini, con due star internazionali come ospiti d’eccezione: Tina Turner e Donatella Rettore.

Per la prima volta sul palcoscenico anche due firme del panorama giornalistico italiano: Emanuele Dotto della Rai e Paolo Colombo de La7.


Edoardo Quistelli, autore e regista di “Su e Giù per le Scale”, come sempre è restio a svelare il copione e a anticipare la trama dello spettacolo “ Vi posso dire che vedrete in scena una rivisitazione dei Promessi Sposi del Manzoni… qui alla Bai saranno “I Promessi Spesi” con i famosi personaggi dell’opera manzoniana riportati alla vita ed alle abitudini del terzo millennio.
 La Scenografia di scale è di Ferruccio Catenelli, le coreografie sono di Ivan Raso e Osvaldo Olivari.