Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Bogliasco scappa, in tre la seguono risultati

La Sampierarenese supera la Caperanese e aggancia il secondo posto insieme al Via dell’Acciaio. Intanto si accorcia la classifica in zona playoff.

Fra i tre litiganti, il quarto gode. Forse non è così il detto popolare, ma sicuramente la bagarre fra Via dell’Acciaio, Caperanese e Sampierdarenese consente al Bogliasco di rafforzare il primo posto. I biancorossi infatti compiono il proprio dovere e battono all’inglese una buona Vecchiaudace Campomorone, che gioca bene soprattutto in difesa, ma che paga la maggior voglia di vincere dei bogliaschini. De Ferrari la sblocca al 46° risolvendo una mischia con il portiere che non riesce a smanacciare lontano e allora l’attaccante trova il gol. Nella ripresa si gioca su ritmi spezzettati e senza grosse occasioni finché all’87° in contropiede Crosetti serve Cimieri che non può sbagliare e da due passi chiude i conti.

Big match di giornata era senza dubbio quello fra Caperanese e Sampierdarenese che metteva di fronte due delle grandi protagoniste del campionato. La partita vede una Sampierdarenese più intraprendente che passa in vantaggio al 17° su calcio di rigore con Morani. Nel secondo tempo la Caperanese prova la reazione, ma la squadra chiavarese è nervosa e al 54° Morani colpisce ancora, stavolta di testa con il raddoppio. All’80° Pomo reagisce ad un fallo e viene espulso, e sette minuti dopo Testore calcia in diagonale per il definitivo 0-3 che significa vittoria e aggancio al secondo posto. La terza squadra all’inseguimento del Bogliasco è come suddetto il Via dell’Acciaio che supera il San Bernardino grazie alla doppietta di Colella che apre le danze al 21° e chiude la contesa al 92° dopo che Ventura al 75° aveva ristabilito la parità. 

Resta in scia anche la Ruentes che vince chiaramente con il Borgo Incrociati e si porta a -2 dal trio delle seconde. I bianconeri riescono ad indirizzare nettamente la partita nel primo tempo grazie all’autogol su cross di Micheletta  al 23° che consente ai ruentini di andare avanti. Il Borgo reagisce subito e due minuti dopo Ivaldi impatta 1-1, ma negli ultimi cinque minuti si scatena Olmo che prima segna su rigore, procurando anche l’espulsione proprio di Ivaldi, poi allunga al 45° per l’1-3 che fa riposare tranquilli i rapallesi. Nel secondo tempo, però i padroni di casa si rifanno sotto con un calcio di rigore di Gazzano che riapre tutto, ma l’uomo in meno alla lunga si fa sentire e Ansaloni colpisce al 71° mettendo due reti fra le squadre. 

Facendo un balzo in zona retrocessione è davvero “Nuova” questa Oregina che ottiene il quinto risultato utile consecutivo dopo un periodo nero, quello di fine 2018. L’avversario era il Pieve Ligure che di speranze ne nutre poche ormai, ma che comunque gioca una partita vera e non ci sta sicuramente ad essere vittima sacrificale. Ci vuole un rigore per sbloccarla quindi. Al 32° Fiumanò si fa respingere la conclusione dal dischetto, ma è rapido nell’avventrarsi sulla sfera e ribadire in rete. Nel secondo tempo Diop trova il gol della sicurezza al 70°. Dieci minuti dopo Bellantone tira potente, la palla deviata manda fuori giri Piovesan ed è 0-3 per una Nuova Oregina che si riavvicina a chi la precede.

Riparte anche il Vecchio Castagna che supera lo Sciarborasca con una doppietta di Goglia che consente ai gialloblù di non restare staccata dalle altre squadre in cerca della salvezza. Passo falso dello Sciarborasca invece che aveva sulla carta la possibilità di inserirsi nella zona playoff, ma una prestazione insufficiente condanna i gialloblù a restare invischiato a metà classifica. Anche la Calvarese aveva la possibilità, battendo il Prato, di restare in scia, invece i rossoneri continuano il momento positivo, fatto di tanti pareggi (4 nelle ultime 6 uscite) uscendo dalla zona play out, anche se per un solo punto. Proprio il Prato passa al 32° con una bella conclusione nell’angolino basso di Fasciolo. Al 62° è Ghirlanda a salvare gli ospiti con un colpo di testa da due passi che infila Cellerino. 

Infine al San Cipriano basta un gol per espugnare Campo Ligure. A firmare il gol – vittoria è Rossetti che stacca di testa e buca Chiriaco. I tre punti fanno sognare i biancocelesti che complici i risultati dagli altri campi, si rifanno sotto alla zona playoff. Per la Campese un ko che deve essere prontamente “vendicato” per allontanarsi dalla zona bassa di classifica.