Genoa-Milan, la protesta dei tifosi fuori dallo stadio: "Ore 15 il calcio non è di chi lo ama” - Genova 24
Tensione

Genoa-Milan, la protesta dei tifosi fuori dallo stadio: “Ore 15 il calcio non è di chi lo ama” fotogallery

Clima decisamente gelido al Ferraris con la contestazione dei supporter rossoblu

genoa milan proteste tifosi

Genova. Situazione tranquilla fuori dallo stadio Luigi Ferraris dove è cominciato senza intoppi il contestato posticipo Genoa-Milan, anticipato per motivi di ordine pubblico alle 15 di oggi.

Gradinata nord quasi deserta, anche se alcuni tifosi potrebbero entrare a partita inoltrata. Pochi i cori, in seguito alla protesta della tifoseria organizzata, a cantare sono soprattutto i milanisti. Nessuno striscione nella Nord ad eccezione di due entrambi dedicati a Federico Fontana, l’ultrà della Brigata speloncia morto due giorni fa in un incidente in moto in corso Europa: “Fede sarai sempre con noi” e “Non ci sono parole solo un grande dolore ciao fede 5r”.

Fuori dallo stadio due striscioni dedicati a uno degli storici ‘capi’ della tifoseria rossoblu: “Più aspra la battaglia più dolce la vittoria” e “Leo siamo con te” dedicata a un noto capo ultrà rossoblù. Poi uno striscione di protesta, messo pochi minuti prima dell’inizio del match: “Ore 15: il calcio non è di chi lo ama”.

leggi anche
Striscioni protesta Genoa Milan
Chiarimenti
Genoa-Milan alle 15, il Siap chiede chiarimenti al Prefetto: “Perché non vietare la trasferta ai milanisti?”
Gradinata Nord
Il comunicato
Genoa-Milan alle 15: i Caruggi si sfilano dalla decisione di non entrare: “Ma nessuno esporrà striscioni”
prandelli
L'appello
Genoa-Milan, Prandelli: “Giocare alle 15 è sconfitta per tutti. Spero che avremo i tifosi vicini”
stadio marassi
Rabbia
Genoa-Milan, i tifosi: “noi staremo fuori, vergognatevi tutti. Genova merita rispetto”
Stadio Luigi Ferraris Marassi
Lo sfogo
Genoa-Milan alle 15 di lunedì, la lettera di una mamma rossoblù a Salvini: “Un’ingiustizia”
Italia Serbia Stadio Marassi
Scatta il mugugno
Derby al lunedì sera, il calcio a Genova è ancora una volta penalizzato