Il retroscena

Demolizione e ricostruzione ponte, si allontana l’ipotesi del contratto unico

Non ha avuto buon esito il tavolo congiunto che si è tenuto oggi a Tursi tra tutte le aziende

Cantiere demolizione ponte morandi

Genova. Si allontana la possibilità di un contratto unico per demolire i resti del Morandi e costruire il nuovo viadotto. La mediazione del sindaco commissario Marco Bucci, che spingeva per questa soluzione, non ha avuto esito positivo dopo una giornata di incontri tra le imprese chiamate a demolire, Fagioli, Omini, Vernazza, Ipe progetti e Ireos, e la società consortile PerGenova (Salini Impregilo, Fincantieri, Italferr).

Secondo quanto apprende l’Ansa, PerGenova avrebbe sottolineato la variabile legata all’attività di demolizione. La società consortile PerGenova, pur ribadendo l’impegno ad assumersi la piena responsabilità per la realizzazione dell’opera, non è in grado di garantire le tempistiche dei demolitori anche perché parte dei loro lavori dipende dalle necessità investigative dell’autorità giudiziaria.

PerGenova si impegna a ricostruire il viadotto in 12 mesi da aree libere e ricorda che il costo è quello indicato (202 milioni) a queste condizioni.

Ora Bucci potrebbe fare contratti separati con clausole che prevedono importanti penali in caso di ritardi.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.