Comune, varata l'imposta pubblicità e pubbliche affissioni. Tariffe meno care per rilanciare il mercato - Genova 24
Novità

Comune, varata l’imposta pubblicità e pubbliche affissioni. Tariffe meno care per rilanciare il mercato

Le novità riguardano anche la riduzione delle tariffe che, in media, saranno inferiori del 30 per cento rispetto al passato

Sedi istituzionali e palazzi del governo

Genova. La Giunta, su proposta dell’assessore al Bilancio e al Patrimonio Pietro Piciocchi, ha stabilito il passaggio da Canone per l’installazione di mezzi pubblicitari (CIMP) a Imposta Comunale sulla Pubblicità (ICP).

Si tratta di una modifica non solo formale perché la trasformazione in tributo permetterà all’Amministrazione di semplificare la gestione e di applicare eventuali sanzioni previste dalla legge.

Le novità riguardano anche la riduzione delle tariffe che, in media, saranno inferiori del 30 per cento rispetto al passato. Puntando a dare nuovi impulsi al mercato sono anche stati ridotti a non oltre i tre mesi i termini della pubblicità temporanea, precedentemente fissati sino a un anno.

L’aggiudicazione degli spazi temporanei sarà quindi stabilita dall’ordine di presentazione delle domande e, nell’ottica della trasparenza, gli spazi disponibili saranno pubblicati sul sito del Comune. Per quanto invece riguarda la pubblicità permanente, la cui durata massima resta di tre anni, si procederà con gare.

Nell’ambito del Piano generale degli impianti pubblicitari, inoltre, è stato anche deciso attuare un piano di riqualificazione degli spazi dedicati alle affissioni e di implementare la lotta all’abusivismo.

Più informazioni