Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bogliasco ko e la Caperanese torna sotto risultati

Giornata ricca di spunti con passo falso della capolista e il quarto risultato utile del Nuova Oregina che stacca il penultimo posto

Riserva tanti spunti interessanti la 16^ giornata di campionato nella Prima categoria, Girone C. Fatto salvo per l’ultimo posto, che sembra francamente sempre più di “proprietà” del Pieve Ligure, le altre posizioni vedono le squadre impegnate in una lotta che, se seguirà questo iter, non potrà che far piacere agli appassionati. 

Cominciando dalla testa, il Bogliasco “inciampa” con la Calvarese che piazza il colpo gobbo e si aggiudica tre punti che tengono aperte tutte le possibilità in zona playoff. I biancorossi di casa passano in vantaggio poco prima della pausa con Ghirlanda. I bogliaschini trovano il pareggio in avvio di ripresa con Crosetti su rigore, ma è la Calvarese che spinge e cerca maggiormente il gol che arriverà al 75° con Soracase, a sopresa in panchina in avvio, che trova la zampata decisiva. 

Ne approfitta la Caperanese che trova una vittoria fondamentale nello scontro diretto contro il Via dell’Acciaio e nonostante si trovi in inferiorità numerica per un fallo giudicato violento dall’arbitro di Sambuceti al 18°, espugna il campo dei blugranata. In realtà la gara cambia registro proprio dal rosso inflitto al chiavarese, perché gli ospiti reagiscono con più corsa e attenzione trovando un calcio di rigore trasformato da Traversaro al 25°. Nel secondo tempo i locali si fanno sotto alla ricerca del pareggio che giunge al 65° grazie a Chiarabini. Il Via dell’Acciaio spinge e cerca la vittoria, ma si espone molto ed i verdiblù trovano il guizzo che decide la partita con Perucchio all’83°. 

Via dell’Acciaio che vede quindi scappare a +3 la Caperanese, mentre da dietro arriva l’aggancio della Sampierdarenese che ospitava fra le mura amiche il Prato. Meglio i lupi nel primo tempo con un avvio aggressivo e un paio di occasioni ghiotte che non vengono sfruttate da Mboge e Sciutto. La gara si sblocca allora su calcio di rigore al 43° grazie a Morani. Anche la ripresa vede i padroni di casa impostare meglio, ma col passare del tempo calano i ritmi e forse la Sampierarenese pensa di poterla vincere senza sforzo, invece i rossoneri trovano un finale all’attacco e all’81° si conquistano un rigore che Della Giovanna trasforma rimettendo tutto in parità definitivamente.

Scendendo in classifica è importante la vittoria della Nuova Oregina che ha iniziato molto bene il nuovo anno con il quarto risultato utile consecutivo (su sette totali) che giunge per di più nello scontro diretto contro il Vecchio Castagna che si illude al 21° con Goglia. Nel secondo tempo cambia il vento invece e i biancoazzurri spingono forte pareggiandola al 50° con Platania e ribaltandola cinque minuti più tardi con Diop che poi la chiude al 65° con la doppietta del 3-1 che consente all’Oregina di allungare proprio sui gialloblù e avvicinarsi al Borgo Incrociati.

I giallorossoneri infatti vanno ko a San Cipriano nonostante il vantaggio di Mosetti (subentrato allo sfortunato Barone infortunatosi dopo meno di un quarto d’ora) in avvio. Al 35° sale in cattedra il nuovo arrivato Rizqaoui che mette al centro una punizione che trova la deviazione di Rossetti. Nella ripresa il San Cipriano gioca in dieci per il rosso a Bonanno, ma non rinuncia ad attaccare e al 95° i valligiani si guadagnano un rigore che il numero 10 locale non fallisce consegnando tre punti ai suoi.

Nella zona centrale della classifica poi vanno registrate le vittorie della Ruentes a cui basta la rete di Olmo su rigore al 74° per piegare un Pieve sempre più ultimo, e della Vecchiaudace Campomorone che fa un passo importante in chiave salvezza agganciando il Prato e avvicinandosi ai rivali di giornata della Campese, superati per 1-0 grazie al tiro dalla distanza di Becucci. Pareggio che non servono a nessuno fra Sciarborasca e San Bernardino, entrambe in corsa per un posto ai playoff. Rete in apertura di Gatto per gli ospiti e pareggio al 45° di Cenname che risolve una mischia in area.