Presidi

Autotrasporto, prosegue la protesta ai varchi: alle 17 l’incontro con l’autorità portuale

Solo in Liguria lo sciopero durerà fino alla mezzanotte di oggi

Generica

Genova. Proseguono anche oggi i presidi organizzati dai sindacati ai varchi portuali, per il secondo giorno di sciopero dell’autotrasporto, proclamato da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti.

In Liguria, a differenza del resto d’Italia, i sindacati hanno deciso per due giorni di protesta, per sensibilizzare, oltre che sui problemi legati alle norme europee, anche su alcune vertenze locali, come la sicurezza e i tempi di attesa, che creano forte malcontento negli autisti dei mezzi pesanti.

Temi che saranno al centro dell’incontro con l’Autorità Portuale, fissato per questo pomeriggio, che potrebbe dare le prime risposte a una vertenza che dura ormai da molti mesi. Un confronto, quello con il presidente Paolo Emilio Signorini, che potrebbe alleggerire la situazione di nervosismo che serpeggia tra gli autotrasportatori e che ha portato i sindacati a decidere, per la Liguria, l’inasprimento delle misure di sciopero passate da 24 a 48 ore.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.