Bilancio

Agevolazioni Imu per i canoni concordati, il Comune di Genova “ci perde” 1 milione e mezzo all’anno

L'assessore Piciocchi: "Ci faremo sentire a Roma per avere il ristoro del mancato gettito dovuto alle agevolazioni introdotte dal governo nel 2016"

mercato immobiliare case bolzaneto genova

Genova. Un milione e mezzo di euro in meno, ogni anno, nelle casse del Comune di Genova, a causa delle agevolazioni per gli affitti a canone concordato. E’ il minor gettito derivato dall’applicazione degli sgravi del 25% di Imu e Tasi introdotti dal governo con la legge di stabilità del 2016.

“Lo Stato si era impegnato a ristorare ai Comuni dei minori introiti – ha spiegato l’assessore al Bilancio del Comune di Genova, Pietro Piciocchi, durante la commissione consiliare di questa mattina a palazzo Tursi in vista dell’approvazione del bilancio 2019 – ma i calcoli erano relativi al 31 dicembre 2015, nel frattempo questa tipologia di contratto è aumentata a livello esponenziale”.

Proprio per via degli sgravi introdotti oggi nel territorio del Comune di Genova i contratti a canone concordato sono circa 40 mila. Di questi, 23 mila sono stati stipulati dopo il 2016 (9179 nel 2016, 6675 nel 2017 e 7200 nel 2018).

“Le agevolazioni resteranno ma è un problema che va risolto – afferma Piciocchi – e sono intenzionato a chiedere allo Stato il ristoro del 100% del gettito mancante”. La riduzione di un quarto di Imu e Tasi, introdotta dal governo Renzi, si traduce, in una città come Genova, in un risparmio medio, per il proprietario, di circa 470 euro per immobili di categoria A2.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.