Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Voltrese ed Arenzano esultano. Sestrese ko interno incredibile risultati

Biancoverdi sconfitti in casa dalla San Stevese. Tutto invariato in vetta

Nel girone A di Promozione prosegue il la fuga solitaria dell’Ospedaletti che comunque probabilmente si sarebbe aspettato di faticare molto meno nel testa-coda contro il Ceriale. I biancoazzurri infatti vendono cara la pelle, provando a far pesare il fattore campo e riescono anche a passare in vantaggio al 13° con Di Mario. A ribaltare tutto c’è Miceli dall’altra parte che firma una tripletta che inizia al 31° su calcio di rigore. Al 42° il sorpasso ospite ancora con il numero 10. In avvio di ripresa un secondo rigore permette agli arancioneri di mettersi al riparo dal Ceriale che giocherà all’attacco tutta la ripresa, ma troverà il gol solo al 92° per il definitivo 2-3. 

Tiene il passo il Taggia che si impone di misura sul Celle. Partita che si decide in mezzora praticamente con il gol in apertura di Gerbasi; il pareggio di Vallerga su calcio di rigore al 25° e il nuovo, nonché permanente vantaggio di Gallo al 32°. Celle che resta così ai margini della zona play out, ma che ora deve guardarsi le spalle perché la San Stevese si è rifatta sotto a -2 grazie alla clamorosa vittoria a Borzoli contro la Sestrese. Il gol arriva all’86° ed è spettacolare il pallonetto di Crudo che supera Lo Vecchio. Biancoverdi ko nuovamente contro una delle squadre che lottano per la salvezza ed ora rischia di allontanarsi troppo dai posti che contano della classifica.

Un gol di Limonta permette alla Voltrese di proseguire il suo buon momento e battere il Mignanego nello scontro diretto fra squadre relegate nella zona bassa. Gialloblù che salgono così a 16 punti lasciando i rivali al penultimo posto con 12, gli stessi del Vallescrivia che non era riuscito a compiere l’impresa contro il Bragno. Gara che i savonesi prendono in mano al 32° con il colpo di testa di Romeo. Fassone in avvio di ripresa la pareggia su rigore, ma un altro tiro dal dischetto, di Anselmo stavolta, riporta i biancoverdi a condurre. Terzo gol nel recupero con i valligiani scoperti alla ricerca del gol, e trafitti da Mombelloni. Bragno che quindi si conferma al terzo posto.

Non mollano neanche Legino e Loanesi che restano fra le prime della classe. I savonesi riescono a piegare le resistenze di una coriacea Dianese. Rete di Semperboni nel primo tempo, pareggio di Canu poco dopo l’ora di gioco, ma replica immediata di Cerato che decide la partita e fa salire a quota 22 punti i verdiblù. Più ampia la vittoria dei loanesi che a Varazze vanno in vantaggio al 25° grazie ad una fortunosa autorete di Maralino. Dieci minuti dopo raddoppia Rocca che manda le squadre al riposo sullo 0-2. 

I varazzini provano la reazione, ma non riescono a trovare varchi nella retroguardia rossoblù che anzi al 64° infila per la terza volta Bonavia con Insolito. Al 66° Piccardo cerca di rilanciare le speranze nerazzurre che, però non hanno fortuna. Invece al 79° Prinzi, subentrato dalla panca, cala il poker che chiude definitivamente la partita e consegna la vittoria agli ospiti.

Infine l’Arenzano si aggiudica tre punti molto importanti con il Serra Riccò in una partita che poteva inguaiare i biancorossoneri che arrivavano al match con un solo punto in più dei gialloblù, invischiati dall’inizio dell’anno nella lotta salvezza, anche se sempre da una certa “distanza”. All’11° la sblocca l’uomo che non ti aspetti, ovvero Rusca che da difensore diventa goleador e fa 1-0. Intorno alla mezzora poi arrivano due lampi che sono come due pugni sul ring che spezzano il fiato e fanno vacillare l’avversario. Sono le due reti di Mancini a distanza ravvicinata di meno di due minuti che mandano sul 3-0 il parziale. I valligiani si riprenderanno solo nel secondo tempo con la rete di Re che, però è tardiva e la rimonta del Serra non si concretizza.