Decisione

Terzo Valico, Toninelli scioglie la riserva: “Non può che andare avanti”

L'annuncio arriva con video messaggio su facebook

Genova. Dopo mesi di attesa arriva il verdetto del ministro Toninelli: “il Terzo Valico non può che andare avanti”.

L’annuncio arriva con un lungo video pubblicato su facebook, dove il ministro racconta la genesi del progetto, non senza qualche imprecisione, e tira le somme di un eventuale stop: “l totale dei costi del recesso ammonterebbe a circa 1 miliardo e 200 milioni di euro di soldi pubblici”. Da qui la conclusione che i lavori andranno avanti.

“Inoltre, e ci tengo particolarmente, dovremo fare in modo che si vada avanti nell’opera senza ulteriori sprechi di danaro e in assoluta sicurezza sul piano della tutela della natura e del paesaggio – continua il ministro – Il rispetto delle prescrizioni dell’osservatorio ambientale non potrà essere un optional: e mi riferisco in particolare allo smaltimento dell’amianto e allo stop ai camion che trasportano i materiali di risulta dei cantieri. Un trasferimento che dovrà avvenire su ferro e solo marginalmente su gomma”.

E poi la stoccata politica: “Chi ci attacca e dice che siamo quelli del no a prescindere, sosterrà ora che stiamo tradendo la nostra anima ambientalista. Non è così, noi siamo sempre gli stessi”.

leggi anche
Generica
La reazione
Sblocco Terzo Valico, la rabbia dei No Tav: “Pugnalati alla schiena, ma difenderemo ancora la nostra terra”
giovanni toti
La reazione
Terzo Valico, Toti: “Meglio tardi che mai, ora servono soldi e volontà di finirlo”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.