Nella notte

Terremoto ai piedi dell’Etna, Toti: “Liguria vicina alla Sicilia, con il cuore nel Catanese”

I danni in sei Comuni, paura e gente in strada, feriti e un'autostrada interrotta per sicurezza. Regolare l'attività aerea

Generica

Genova. “Con il cuore nel catanese. La Liguria è vicina alla Sicilia”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti manifesta stamani via twitter la vicinanza alle popolazioni colpite dalla scossa di terremoto in Sicilia.

Il sisma di magnitudo 4.8 è stato registrato alle 3,19 con epicentro tra Viagrande e Trecastagni in provincia di Catania. Si tratta della scossa più violenta da quando è cominciata, il 24 dicembre, l’eruzione dell’Etna.

Paura e gente in strada, una decina di case crollate. Feriti e autostrada chiusa tra Giarre e Acireale. Sei i comuni nei quali si sono registrati danni maggiori: Fleri, una frazione di Zafferana Etnea, Santa Venerina dove sono caduti calcinacci dalla facciata della chiesa principale Santa Maria del Carmelo in Bongiardo, Zafferana Etnea e nell’Acese. A Pennisi, frazione di Acireale, sono crollati il campanile e la statua di sant’Emidio, ritenuto protetto dai terremoti, nella chiesa di Santa Maria del Carmelo. Dieci feriti lievi ricoverati in ospedale, una donna in più gravi condizioni.

Regolare l’attività dell’aeroporto di Catania.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.