Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampierdarenese ancora ko e il Bogliasco è campione d’inverno risultati

Lupi sconfitti da un Via dell’Acciaio in gran forma e i biancorossi scappano a +4. Si accende la bagarre per la zona playoff

Tredicesimo turno di campionato in Prima categoria, Girone C che consegna al Bogliasco il titolo di campione d’inverno con una gara d’anticipo. I biancorossi infatti superano in trasferta il Borgo Incrociati e grazie al ko della Sampierdarenese, salgono a +4 in attesa del turno pre natalizio. La squadra di mister Poggi mette un tassello importante nella corsa promozione e sale a quota 30 punti tondi. Contro il Borgo Incrociati i gol sono 3, firmati da Rattini al 43°, Crosetti al 50° e De Ferrari al 73°, ma non si pensi che sia stata una passeggiata perché il Borgo gioca bene soprattutto in avvio e dopo il secondo gol subito, mancando la rete su calcio di rigore con Valenti che si fa parare la conclusione. Ora per i ragazzi di Delfino una settimana per preparare l’ultima uscita dell’anno che potrebbe permettere loro di passare le feste nel migliore dei modi.

Non è sicuramente al meglio l’umore in casa Sampierdarenese che deve subire il secondo ko consecutivo. Due settimane in cui i lupi hanno perso il primato ed ora vedono il Bogliasco cercare di fuggire. È anche vero che la vittoria manca ora da ormai un mese visto che era il 25 novembre quando giunse la vittoria sulla Nuova Oregina. Di fronte, però i biancorossoneri si sono ritrovati il Via dell’Acciaio, puntuale e cinico con Colella che di testa al 34° ha beffato Traverso consegnando i tre punti ai suoi. I blaugrana sono, al contrario, in serie positiva da quattro gare con un cammino perfetto: 12 punti su 12 a disposizione. Ruolino di marcia che ora li pone a ridosso proprio della Sampierdarenese e del secondo posto distante solo 2 punti.

Insieme al Via dell’Acciaio al terzo posto troviamo altre due squadre: Sciarborasca e Caperanese. I gialloblù si mordono le mani per come sono andate le cose a San Colombano con la Calvarese visto che Degli Innocenti trova una doppietta fra il 41° e il 51°, ma nel finale di partita un rigore di Piazze e soprattutto la zampata di Soracase all’89° permettono ai biancorossi di salvare la giornata e strappare un punto. Per i ponentini tanto rammarico perché una vittoria li avrebbe proiettati al secondo posto insieme alla Sampierdarenese.

Vince invece la Caperanese nel derby di levante contro la Ruentes. Partita ostica che si decide solo nei minuti finali quando le squadre sono stanche e lasciano spazi aperti agli avversari. Verdiblù avanzati al 75° con una punizione di Perucchio. Poi in contropiede Assalino verticalizza per Picasso che non sbaglia e all’86° è 0-2. Rete che non cambia nulla per Grilli al 92° su rigore. Per la Ruentes non c’è più tempo e sfuma la possibilità di operare il sorpasso.

Il Prato supera con disinvoltura la pratica Pieve grazie alla tripletta di Pastorino che in 36 minuti risolve la gara e consente ai rossoneri di scavalcare il Borgo incrociati per uscire dalla zona play out. Pieve che sembra con un piede già in seconda categoria, a meno di un miracolo sportivo nel girone di ritorno.

Sempre in tema di salvezza si è giocata Vecchiaudace Campomorone – Vecchio Castagna con i valligiani che si sono imposti 4-2 e hanno così scavato il solco fra le ultime tre e il resto della banda. Infatti proprio i gialloblù di Quarto patiscono 5 punti dalla quart’ultima. I gol fioccano da subito perché al 3° Maffia illude gli ospiti con un colpo di testa vincente. Venti minuti dopo Camera trova il pareggio ed al 47° Profumo trova la via del gol e del sorpasso campomoronese. Nella ripresa subito doppietta per Profumo che trova il 3-1 e al 60° Casanova mette il sigillo sulla partita. L’ultimo ad arrendersi sarà proprio Maffia che si toglierà la piccola soddisfazione della doppietta personale anche se inutile alla causa.

Scontro diretto fra San Cipriano e San Bernardino, una partita che va agli ospiti i quali, agganciano proprio i biancoazzurri al sesto posto con 21 punti. Per vedere i gol occorre andare alla ripresa quando Gatto piazza la sua “zampata” e il San Bernardino passa. Dieci minuti dopo su una disattenzione della difesa Bertulla raddoppia. Solo per le statistiche il gol di Ghiglino che non riesce a far tornare in gara i suoi ed il San Cipriano cade dopo tre risultati utili di fila.

Un soffio d’ossigeno per la Nuova Oregina che con la Campese pareggia 1-1. Reti di Nanna al 10° e del solito Rizqaoui al 46° per una gara che può rappresentare un nuovo punto di partenza per i biancoblù che non andavano a punti da ben 9 turni. Per la Campese qualche rammarico e forse un po’ di supponenza nei confronti di una squadra che sembrava diventata una vittima sacrificale per tutte le altre.