Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Risse, alcol e musica troppo alta, il Questore fa chiudere il Charlotte

Più informazioni su

Genova. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la rissa del 21 dicembre, che ha coinvolto numerose persone ma si è trattato solo dell’ultimo, in ordine di tempo, degli episodi che hanno visto al centro il circolo privato “Charlotte” di Vico delle Monachette. 

Il Questore di Genova dopo quest’ultimo episodio ha, infatti, deciso di adottare il provvedimento di sospensione della licenza di somministrazione di bevande e alimenti per 15 giorni, nei confronti del circolo privato “a tutela della sicurezza dei cittadini della zona, in seguito al grave episodio di rissa avvenuto la sera del 21 dicembre scorso”.

In quel caso i protagonisti dell’episodio un gruppo di cittadini di diversa nazionalità, avventori del circolo, alterati dall’abuso di bevande alcoliche, avevano iniziato a litigare generando una vera e propria rissa, poi proseguita all’esterno del locale, mettendo in pericolo l’incolumità sia delle persone presenti nel circolo, che degli ignari passanti.

Sul posto erano intervenuti cinque equipaggi della Polizia di Stato che avevano ristabilito l’ordine evitando gravi conseguenze, segnalando anche cinque persone per i reati di rissa aggravata e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

Ma a quest’ultimo episodio, spiega una nota della Questura, va aggiunta un’ulteriore aggressione subita da due persone estranee alla clientela che si erano recate nel circolo per chiedere di abbassare il volume della musica troppo alto.

“Entrambi i fatti – spiega la Polizia – hanno testimoniato la mancata prevenzione di ogni forma di violenza e illegalità all’interno del locale da parte del gestore, e la disattenzione alle problematiche legate all’abuso di bevande alcoliche, somministrate in maniera smodata ad una clientela fatta di soggetti violenti e gravati da precedenti di polizia”.

Ieri, i poliziotti del Commissariato Pré hanno notificato al presidente del circolo, un 39enne di origine ecuadoriane, il provvedimento di sospensione che avrà una durata di 15 giorni.