Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Porto di Genova, calo contenuto ma costante nei primi due mesi dopo il crollo del Morandi

Il sistema tiene, dicono da palazzo San Giorgio, ma bisogna fare presto

Più informazioni su

Genova. “Il sistema ha tenuto ma il crollo del ponte ha portato a un rallentamento nel trend di crescita”, questo il commento di palazzo San Giorgio ai dati relativi ai volumi di traffico nel porto calcolati durante i primi due mesi interi seguiti al disastro del 14 agosto. Un calo moderato, ma costante, nei container e numeri complessivi altalenanti, con una crescita a settembre e una contrazione a ottobre.

I dati sono stati diffusi dall’ufficio statistiche dell’Autorità di Sistema Portuale e certificano un’effettiva riduzione delle movimentazioni, concentrata maggiormente nel mese di ottobre e sul segmento dei container, almeno in parte compensata dal buon andamento di altre tipologie di merce. A settembre 2018, il porto di Genova ha movimentato 4,52 milioni di tonnellate di merce, il 3,4% in più rispetto ai 4,37 milioni di settembre 2017, mentre il traffico contenitori nello stesso intervallo è sceso del 3,4% passando da 219.906 a 212.326 teus e quello di rotabili è calato dell’1,6% (da 398.818 a 392.382 metri lineari).

A soffrire di più, tra i terminal, lo Spinelli (-9% a settembre, -0,2 a ottobre) mentre sono aumentati Voltri (solo a settembre), Sech (a ottobre) e Messina. Infine, il traffico dei passeggeri (traghetti e crociere) è cresciuto dell’8% a settembre 2018 e calato del 4,7% a ottobre.

“Nel complesso – evidenzia Palazzo San Giorgio – la tenuta del sistema, pur in seguito agli eventi calamitosi rappresentati dal crollo del ponte e successivamente dal pesante fortunale che si è abbattuto sulla costa ligure (determinando significativi danni alle infrastrutture portuali), evidenzia la forza commerciale degli scali e gli effetti positivi degli interventi emergenziali che sono stati adottati da subito per fare fronte alla crisi”.

L’obiettivo del breve-medio termine resta però quello di “sostenere l’economia portuale con le misure del ‘decreto Genova’ e di intervenire sulle infrastrutture per garantire l’avvio di quelle opere essenziali per migliorare la logistica portuale e cittadina”.