Ecco il conto

Ponte Morandi, pronta la lettera di Bucci ad Autostrade: si chiedono 400 milioni

Serviranno per ricostruire il viadotto e per acquisire le case e gli edifici in zona rossa. Aspi ha 30 giorni di tempo per la risposta

marco bucci

Genova. Altro che lettera per Babbo Natale. Questa è ben più impegnativa. Partirà domani, o al più tardi lunedì 24 dicembre, la “lettera fondi” con la quale la struttura commissariale per la ricostruzione di ponte Morandi chiederà ad Autostrade per l’Italia le risorse relative ai lavori sul viadotto e all’acquisizione delle case degli sfollati e degli edifici e macchinari delle imprese in zona rossa.

“Si tratta di circa 400 milioni di euro a cui bisogna aggiungere l’iva”, ha spiegato il sindaco e commissario Marco Bucci durante il consiglio comunale monotematico sulla situazione dopo il crollo del ponte. La richiesta dei fondi ad Autostrade è prevista dalla legge di conversione del decreto Genova. Autostrade, sempre in base alla legge, ha 30 giorni di tempo per rispondere alla lettera.

La costruzione del nuovo viadotto costerà 220 milioni di euro, 20 sono previsti per la demolizione, altri 72 milioni per gli indennizzi agli sfollati, per citare alcune voci di spesa.

Più informazioni
leggi anche
Ponte Genova Salini Fincantieri Foto ufficiali
De gustibus...
“Ma non doveva essere il più bello del mondo?”. Genova si spacca sull’estetica del ponte che verrà
Il ponte Morandi nel marzo del 2018
Come finirà?
Autostrade, 120 giorni per dare “spiegazioni e approfondimenti” al Mit. Castellucci: “Faremo la nostra parte”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.