Tentata rapina

Piazza Matteotti, prova a rubare l’incasso di una bancarella, fermato dal vigilante.

Stava per scappare con oltre 300 euro di bottino

polizia, arresto

Genova. La polizia lo scorso lunedì, ha arrestato un 35enne marocchino, in Italia senza fissa dimora e gravato da due espulsioni emesse da Stati europei, per il reato di tentata rapina impropria.

L’uomo è stato notato da un addetto alla vigilanza, in servizio presso il mercatino di piazza Matteotti, mentre si aggirava tra le bancarelle che si apprestavano a chiudere e, dopo qualche minuto, è stato visto avvicinarsi ad un furgone parcheggiato nei pressi di uno stand, introdursi nel vano guida ed uscirne con in mano un marsupio. Il vigilante ha immediatamente dato l’allarme ed è corso a bloccare l’uomo che si stava dando alla fuga e che, sentendosi scoperto, ha reagito con calci e pugni.

La proprietaria del furgone, titolare di un banco, avendo assistito alla scena, ha contattato il 112 Nue che in pochi attimi ha inviato una volante della Polizia. Gli agenti intervenuti hanno fermato il rapinatore mentre ancora stava colpendo il vigilante, un cittadino senegalese di 46 anni che, nonostante abbia riportato alcune escoriazioni, ha dichiarato che sarebbe andato a farsi medicare alla fine del turno di lavoro.

Il marsupio, contenente l’incasso della giornata per un ammontare di 300 euro, un tablet e vari effetti personali, è stato restituito alla legittima proprietaria. L’arrestato è stato invece accompagnato presso gli uffici della Questura. Al processo per direttissima il giudice ha convalidato l’arresto e disposto il divieto di dimora a Genova.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.