Non solo vaccinazioni

Influenza, a breve il piano per evitare i sovraffollamenti dei pronto soccorso

Tra forti campagne pro vaccinazione e un piano studiato per tempo, la Regione spera di evitare il sovraffollamento dei pronto soccorso

Influenza, febbre

Genova. Sarà messo a punto nelle prossime ore il piano di emergenza antinfluenzale, che andrà a coprire le possibili situazioni di sovraffollamento nei pronto soccorso, sopratutto nelle feste natalizie. Regione Liguria e Alisa hanno, infatti, convocato i vertici delle Asl e degli ospedali per il Dear, il dipartimento regionale di emergenza e urgenza, per studiare le misure da mettere in atto nelle prossime settimane.

E se, da un lato, Regione Liguria ha messo in atto una forte campagna di prevenzione, promuovendo la vaccinazione che ha raggiunto l’85% dei liguri “L’ho fatta anche io per la prima volta nella mia vita” ha ricordato il presidente, Giovanni Toti, dall’altra si cercano soluzioni per scongiurare l’assalto agli ospedali. La speranza è che il virus non muti, come a volte accade.

“Questa è un’emergenza che conosciamo è che arriva tutti gli anni – spiega Giuliano Lo Pinto, direttore sanitario dell’Ospedale Galliera – gli esperti dicono che il picco sarà raggiunto a gennaio e noi ci stiamo organizzando con vaccinazioni intensive e con tutte le strategie necessarie a gestire l’afflusso dei pazienti”.

Il direttore sanitario, comunque, mantiene un certo ottimismo sulla situazione, vista anche l’esperienza del passato che ha consentito di gestire al meglio i maggiori flussi. “È probabile che ci sia un maggiore affollamento dei pronto soccorso, un iperafflusso – conclude Lo Pinto – ma, come già gli scorsi anni, penso sia possibile gestire al maglio la situazione”.

 

leggi anche
San Martino ospedale pronto soccorso codice rosso sanità policlinico
Emergenza influenza
Influenza, ecco il piano di emergenza dell’ospedale San Martino