Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Incidente Zurigo, un passeggero: “Il bus andava troppo veloce”. Strada tronca mai terminata

I due autisti sono italiani, uno di loro è in pericolo di vita

Genova. Arrivano le prime testimonianze sulla dinamica che ha portato il pullman passeggeri a schiantarsi contro un muro nei pressi di Zurigo questa mattina.

Secondo un passeggero, intervistato dall’emittente svizzera Tele Züri, «il bus andava troppo velocemente in curva». Secondo l’uomo, di nazionalità colombiana, rimasto ferito ad un braccio, «il muro certamente ci ha salvati». Senza la barriera, infatti, l’autobus sarebbe finito nel fiume Sihl, dieci metri più in basso.

Un muro che secondo i giornali locali chiude la parte tronca della strada, mai completata: in quel tratto, infatti, la carreggiata si dividerebbe in due parti, seguendo lo schema di una Y, di cui una mai terminata, dopo che il progetto degli anni 60 è stato accantonato.

Secondo i cronisti locali nessuna speciale segnaletica indica a chi arriva dalla parte inferiore – come nel caso del pullman – che l’autostrada sulla sinistra è tronca. In questo punto si è verificato un incidente simile nel 2016. In quel caso, però, il camion è finito nel fiume sottostante, abbattendo il muro.

Un altro testimone, che precedeva il pullman con il suo taxi, ha raccontato alla testata locale ’20 Minuten’ ha riportato di aver sentito un improvviso forte rumore: “ho visto il bus nello specchietto retrovisore. La strada era davvero pericolosa. Non è stata liberata dalla neve. Io stesso mi sono trovato nei guai. La mia macchina ha iniziato a scivolare”.

I due autisti, entrambi feriti, sarebbero italiani: uno di loro è ricoverato in gravi condizione. Flixbus ha dichiarato che il mezzo era dotato di pneumatici invernali.