Quantcast
Pallanuoto

Il derby è biancorosso: l’Iren Genova Quinto batte 11 a 9 il Bogliasco fotogallery risultati

La formazione guidata da Luccianti torna al successo, aggravando la crisi dei biancazzurri

IREN GENOVA QUINTO

Bogliasco. Il derby della nona giornata di Serie A1 si colora di biancorosso: l’Iren Genova Quinto espugna per 11 a 9 la piscina Vassallo battendo il Bogliasco e portandosi a quota 12 punti in classifica.

Una partita sentita, tesa e combattuta, con una bellissima cornice di pubblico. Risultato sempre in bilico, eppure sono sempre stati i biancorossi a cercare di mettere la freccia e a passare in vantaggio, costringendo i padroni di casa, ancora a secco di vittorie, ad inseguire. Nell’ultimo parziale, lo scatto decisivo che ha regalato una vittoria d’oro a Bittarello e compagni.

In una Vassallo che ribolle di passione genovesi e levantini danno vita ad una sfida infuocata, senza risparmiarsi colpi proibiti, nella migliore tradizione derbistica. L’avvio di gara è a dir poco elettrizzante. Nelle prime sei azioni arrivano altrettante reti, tre per parte, con Gambacorta, Fracas e Lanzoni che rispondono ai vantaggi di Brambilla, Lindhout e Vavic.

Poi gli arbitri decidono di punire Fracas per brutalità, mandandolo negli spogliatoi dopo meno di 4 minuti di gioco, concedendo un rigore agli ospiti, che Lindhout realizza, e lasciando i biancazzurri in inferiorità per il resto del primo quarto. Nonostante la triplice sanzione Bogliasco regge bene in difesa e prima della sirena trova il 4-4 con una bomba di Monari. La gioia è però effimera perché ancora Lindhout riporta avanti i suoi.

La pioggia di reti della prima frazione non si ripete nella seconda, nella quale arrivano solo uno squillo per porta, ed entrambi in superiorità. A centrare il bersaglio sono Lanzoni, che firma il momentaneo 5-5, e Gitto che ancora una volta regala il più uno agli ospiti.

Nuovamente Lanzoni, su rigore conquistato da Di Somma, tiene a galla Bogliasco in apertura di terzo quarto ma la fatica accumulata nella seconda parte del primo tempo comincia a farsi sentire tra i biancazzurri. Quinto ne approfitta mettendo la freccia con due reti in sequenza. Ci pensa Monari a rimetterla in carreggiata realizzando due superiorità in poco di 50 secondi.

Il botta e risposta prosegue nella prima metà dell’ultimo quarto con Ravina che riprende Vavic. Il Bogliasco è però ormai esausto e il cuore non basta per reagire al doppio schiaffo di Lindhout che decide la sfida.

Sapevamo che la partita si sarebbe decisa nell’ultimo quarto e che nessuna delle due formazioni si sarebbe fatta staccare in modo netto – spiega il tecnico ospite Gabriele Luccianti -. Devo fare i complimenti ai miei ragazzi, non è mai facile giocare in questa piscina e con questa straordinaria cornice di pubblico. Hanno risposto bene, anche nei momenti di difficoltà, siamo sempre restati attaccati alla partita e alla fine questo ha pagato. Sarebbe potuta finire in tutti i modi, anche loro sono sempre rimasti in partita, fino all’ultimo. Ora sotto con il Posillipo: abbiamo fame di punti, ci vogliamo salvare e siamo disposti a tutto. Voglio tornare a vincere alle Piscine di Albaro”.

“E’ stata una partita che per noi si è messa subito in salita con l’espulsione definitiva di Fracas. Era l’ultima occasione per contare solo su noi stessi e invece ora dobbiamo puntare anche sui risultati degli altri” dice l’allenatore locale Daniele Magalotti.

Il tabellino:
Bogliasco Bene – Iren Genova Quinto 9-11
(Parziali: 4-5, 1-1, 3-2, 1-3)
Bogliasco Bene: Prian, Ferrero, A. Di Somma, Fracas 1, P. Bini, Ravina 1, Gambacorta 1, Monari 3, M. Guidi, G. Guidi, Puccio, Lanzoni 3, Di Donna. All. Magalotti.
Iren Genova Quinto: Pellegrini, Paunovic 1, Vavic 2, Mugnaini, Brambilla 1, Lindhout 5, Gavazzi, Bielik, Boero, Bittarello, M. Gitto 2, Amelio, Pellerano. All. Luccianti.
Arbitri: Piano e Rovida.
Note. Usciti per limite di falli Boero nel terzo tempo, Vavic e M. Guidi nel quarto. Espulso per brutalità Fracas nel primo tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 5 su 11 più 1 rigore segnato, Quinto 7 su 11 più 1 rigore segnato.