Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Crocefieschi rafforza il primato. Tornano a fare punti Ravecca e San Giovanni Battista risultati

Sempre serrata la lotta alle spalle degli azzurroblù con sei squadre in tre punti

Festa in casa Crocefieschi che si laurea campione d’inverno grazie alla vittoria esterna sulla Golacademy che porta la firma di Savaia, autore di una doppietta nel primo tempo che si rivelerà decisiva ai fini della conquista dei tre punti dei blucelesti. Al 45° i padroni di casa provano a rilanciarsi con Mammoliti, ma la squadra di Cantoni fa quadrato davanti a Roncati e non sbaglia più nulla.

La vittoria del Crocefieschi rappresenta una mini fuga dei valligiani che sfruttano al meglio i mezzi passi falsi sia della Pro Pontedecimo che del Borgoratti. I granata danno vita ad una partita scintillante nel vero senso della parola a Begato. Entrambe cercano punti per avvicinarsi alla vetta, ma alla fine nessuna dell due sarà felice perché il pari non aiuta la corsa di alcuno. Pontedecimo che parte all’attacco e sfiora il gol in due occasioni con Vagnucci ed il “solito” Pasti, ma in entrambe le occasioni la palla esce di poco. Al 15°, alla prima sortita offensiva, Faraci buca Pelizza e fa 1-0 Begato con un bel tiro dal limite.

Reagisce la squadra di Bocciardo che manovra cercando di mettere in moto Pasti, proprio uomo di punta che al 33° viene fermato dalla traversa. Dieci minuti dopo però invece della precisione, il fantasista granata, cerca la potenza e sorprende Perelli per l’1-1. A metà gara si accende una mini rissa poi per cui l’arbitro deve sospendere per alcuni minuti.

Al rientro in campo è sempre la Pro a far gioco, ma il Begato va vicino ancora al gol con Filippone, ispirato, ma poco fortunato anche perché Pelizza è sempre reattivo. Al 78° sorpasso della Pro Pontedecimo con Zannoni che risolve una mischia e sigla il gol dell’1-2. La partita vive di lampi anche se ora è il Begato a dominare il terreno di gioco anche se su azione non arriva il gol. Ci vuole un calcio piazzato per rimettere tutto in ordine: ci pensa Mascia che pennella dove Pelizza non può arrivare e all’85° è 2-2.

Pareggio anche fra Borgoratti e Progetto Atletico in un altro scontro al vertice che alla fine premia solo il Crocefieschi che sostanzialmente guadagna due punti sulle prime 4 squadre inseguitrici. Torna a segnare Trimarchi che con un tiro di collo esterno supera Cellerino dopo appena tre minuti. Al 15° i bianconerazzurri hanno la possibilità di mettere al sicuro il parziale e lo fanno con Arrache, ma il direttore di gara aveva fischiato poco prima per un rigore proprio a favore del Progetto Atletico. Dal dischetto Arrache sbaglia e il Borgoratti tira un sospiro di sollievo. Anche perché al 55° Drommi trova lo spazio e batte Barbarossa pareggiando i conti. Gara difficile che vive anche di un momento di sospensione per una fittissima nebbia che si dirada lentamente sul campo. Finisce 1-1 e la classifica resta invariata.

Bel balzo in avanti dell’Atletico Genova che espugna Fegino e si aggrega al gruppone di sei squadre chiuse da 3 punti che inseguiranno, l’anno prossimo, il Crocefieschi. Dopo un avvio di studio i rossoblù rompono gli indugi e al 23° passano con Greco, bravo a risolvere una mischia nell’area del Fegino. Padroni di casa che reagiscono affidandosi al proprio bomber Lamonica che fa tutto da solo, saltando un paio di avversari e mettendola sul palo lontano. Al 39° Greco risponde con la doppietta personale che rimette davanti gli ospiti e con questo parziale si va al riposo.

Nella ripresa si rinnova il dualismo fra Lamonica e Greco che viene vinto da quest’ultimo. Infatti al 72° il numero 10 locale impatta il parziale, ma due minuti dopo ancora Greco cala la tripletta che sarà definitiva nonostante l’espulsione di Ieraci a dieci minuti dalla fine. 

La fine dell’anno è fatta di buoni propositi per quello che verrà e il Ravecca ne ha fatti molti, ma ha deciso di cominciare anticipando di qualche settimana il ritorno. I biancorossi quindi hanno trovato la seconda vittoria di stagione a spese del Bavari squadra che dopo un avvio promettente sta affrontando qualche difficoltà. Rete in apertura di Dassereto e gara chiusa a dieci minuti dalla fine da Morelli dopo una gara fin sacrificio e grande attenzione difensiva. 

Vittoria del Ravecca che assume una maggiore importanza alla luce di un altro risultato che fa “parlare” ovvero il 3-3 fra San Giovanni Battista e Zena. Padroni di casa che fin qui avevano raccolto due punti e finalmente trovano il terzo, sebbene manchi ancora l’appuntamento con la vittoria. Gara intensa che Pitzalis sblocca al 12° con la rete della 0-1. Reazione di carattere dei biancogialloazzurri che pareggiano cinque minuti dopo con Molinari. Nella ripresa Canepa riesce a portare in vantaggio i locali ribaltando il parziale, ma Barbieri prende in mano le operazioni e firma una doppietta in tre minuti (fra il 75° ed il 78°) che ribalta ancora le cose. Gara infinita questa che trova l’epilogo nel tiro di Nicoletta entrato a gara in corso, che fa chiudere l’anno al San Giovanni con un punto in più, un punto da cui partire per cercare di risalire una china difficilissima.

Il Voltri 87 batte il Montoggio e lo condanna al quart’ultimo posto. Per i valligiani infatti non arriva la vittoria che avrebbe loro permesso di superare il Bavari. Partita molto equilibrata comunque che forse avrebbe dovuto dare qualcosa in più ai padroni di casa che subiscono la rete di Maniscalco al 43°, ma tornano in gara con una gran botta di Sciutto in avvio di ripresa. Partita che sembra andare verso il pari, poi D’Aloisio trova il gol dell’1-2. Montoggio che si getta in avanti e viene, però punito dal tiro di Fedri che sfrutta gli spazi lasciati dai biancoblù e cala il tris definitivo.