Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Firmato il progetto definitivo del nuovo Galliera, ecco come cambierà l’ospedale “della curia” fotogallery

Toti: "In 8 anni rivoluzionato il sistema della sanità pubblica ligure", oltre 400 posti letto, inaugurazione nel 2023

Più informazioni su

Genova. E’ stato firmato il contratto per la redazione del progetto definitivo del nuovo ospedale Galliera di Genova da 404 posti letto: l’obiettivo e’ aprire il cantiere della struttura a inizio 2020 per inaugurarla nel 2023.

Il direttore generale del Galliera Adriano Lagostena e il presidente di Politecnica (prima azienda classificata) Francesca Federzoni hanno siglato l’intesa stamani nella sede della Regione alla presenza del governatore Giovanni Toti, dell’assessore regionale alla Sanita’ Sonia Viale, del vicesindaco Stefano Balleari e del presidente dell’ospedale Giuseppe Zampini.

Il nuovo Galliera sara’ un ospedale ‘green’ ad alta efficienza energetica, su 7 piani di cui 3 esterni, con pannelli solari sul tetto, circondato da 5.500 metri quadrati di giardini pensili e si proporra’ come punto di riferimento regionale per la gestione dell’invecchiamento e della fragilita’.

Generica

Il progetto prevede che gli attuali parcheggi antistanti i padiglioni storici si trasformino in un parco urbano aperto alla cittadinanza e che i posti auto sottratti dal parco vengano recuperati nei piani sotterranei del nuovo edificio. “Un ospedale nazionale a alta specializzazione – ha detto Lagostena – che ci auguriamo acquisira’ il riconoscimento di istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per le attivita’ relative all’invecchiamento”.

“Un passo in avanti per l’ammodernamento della sanita’ ligure” ha detto Viale. “Dopo l’ennesimo ricorso al Tar vinto – ha detto Toti -, parte la fase esecutiva di uno dei nuovi poli della programmazione sanitaria. In otto anni rivoluzioneremo completamente il sistema ligure”. Per Balleari il Galliera “e’ un ospedale con un grande passato, che grazie al nuovo progetto fondamentale per Genova avra’ anche un grande futuro”.